Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, si rompe anche il bypass
Il governo dichiara stato di emergenza

Una rottura ha interrotto il flusso tra la condotta di Fiumefreddo e quella dell'Alcantara. Il guasto si è verificato tra Forza d'Agrò e Letojanni. Secondo le previsioni dei tecnici, i lavori di riparazione inizieranno alle 15 e domani l'acqua potrebbe tornare nelle case dei messinesi

Fabio Bonasera

Si è rotto anche il bypass tra l’acquedotto di Fiumefreddo e quello dell’Alcantara. Una doccia gelata, se non fosse che i messinesi sono alle prese con l’emergenza idrica ormai dallo scorso sabato 24 ottobre, a seguito delle ripetute frane che stanno interessando Calatabiano. Il consiglio dei Ministri nella seduta di stamattina ha dichiarato lo stato di emergenza per Messina, il massimo livello di gravità per gli eventi calamitosi in cui la direzione viene assunta a livello nazionale. 

Dopo il nuovo guasto, lunedì scorso, alla rete che serve abitualmente la città dello Stretto, adesso bisogna fare i conti con quello al bypass con l’acquedotto dell’Alcantara, attivo dalle 21 del 3 novembre. Secondo le prime informazioni alle otto di questa mattina, tra Forza d'Agrò e Letojanni, si è verificata la rottura della saracinesca volumetrica, un pezzo del bypass, che - precisano i tecnici al momento al lavoro - «solitamente non avviene». Non si tratta dunque di un guasto alla saldatura. Il pezzo di ricambio dovrebbe arrivare in giornata e l'intervento di sostituzione iniziare intorno alle 15 per durare circa sette ore. La Siciliacque, la società partecipata dalla Regione che gestisce l'acquedotto Alcantara, comunica che le prime manovre d'ingresso dell'acqua nella tubatura inizieranno alle 22 di stasera. Se la previsione venisse confermata, domani Messina potrebbe tornare alla situazione vista nelle ultime 24 ore, ben al di sotto dei mille litri al secondo che si registrano a pieno regime, ma con una pressione sufficiente per razionare l'acqua. Al momento, l’unica fonte di approvvigionamento idrico di Messina resta la fonte della Santissima che pompa solo 200 litri al secondo. Assolutamente non sufficiente per potare l'acqua nelle case, al punto che i rubinetti sono già a secco, a eccezione delle abitazioni fornite di serbatoi. 

Intanto il capo della protezione civile nazionale, Fabrizio Curcio, sta tornando a Messina dopo la dichiarazione dello stato d'emergenza. «Il Dipartimento - ha spiegato - potra assicurare sul territorio una diretta presenza operativa, integrando il proprio team avanzato già dislocato a partire dallo scorso martedì e attivare tutte le necessarie risorse e professionalità provenienti anche da fuori Regione per analizzare la funzionalità della rete idrica, per monitorare i versanti in frana che complicano la gestione della situazione in atto, individuare le soluzioni più efficaci e realizzarle. Il Dipartimento nazionale, quindi rimarrà sul territorio per gestire la situazione di criticità in stretto raccordo con la struttura siciliana di protezione civile e le autorità locali fino a quando non sarà garantito il ripristino delle condizioni ordinarie».

Al momento non arriva nessuna comunicazione ufficiale da Prefettura e Comune che ha solo aggiornato la mappa dei punti di approvvigionamento: l'ex Gasometro sul viale della Libertà e l'autoparco comunale in via Bonino sono attivi oggi, venerdì 6. L'AMAM ne ha messo a disposizione un altro nelle adiacenze della villetta a Piazza Castronovo. All'Annunziata alta, presso il rifornimento Esso, è disponibile un'autobotte fornita dalla Celertrasporti di Giuseppe Lucchesi. «Si ricorda - scrive Palazzo Zanca - che per i casi di particolare emergenza che interessano persone anziane e disabili non assistite, può essere contattato, dalle ore 7 alle 20, il numero telefonico 090 7724110 o inviato un fax al numero 090 694888 (specificando nome, cognome, indirizzo, recapito telefonico e motivo della richiesta) o una mail all’indirizzo autoparco@comune.messina.it . Alle scuole di ogni ordine e grado è stata destinata la seguente linea telefonica 090 7724108 o 090 694888 (fax), che i dirigenti scolastici possono contattare al mattino e al termine delle lezioni o la mail autoparco@comune.messina.it, per comunicare lo stato dei serbatoi e concordare le eventuali forniture d’acqua necessarie al fine di garantire il normale svolgimento delle attività scolastiche».

Intanto la Confcommercio informa che è disponibile sul sito istituzionale, il modulo per la richiesta degli indennizzi per la perdurante crisi idrica. «Nella giornata di ieri – affermano i vertici dell’associazione di categoria – oltre 500 messinesi, fra commercianti e privati cittadini, hanno ritirato il modulo per la richiesta dei risarcimenti all’Amam». Il modulo può essere scaricato dal sito internet e consegnato agli uffici di via Giordano Bruno 1 (palazzo della Camera di Commercio), dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12 e 30. Secondo l’avvocato Ernesto Fiorillo, entro il mese di gennaio saranno fissate le prime udienze davanti al giudice di pace di Messina. L’assistenza legale ai cittadini è completamente gratuita.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×