Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Muos: parabole in movimento, tensione alla base
Ambasciata Usa: «Luce blu: prove di trasmissione»

L'1 marzo gli attivisti hanno registrato l'accensione delle luce blu e un diverso orientamento delle parabole, ipotizzandone l'entrata in funzione. Da Roma spiegano che «sono in corso delle prove durante le quali le emissioni vengono monitorate e sono sotto i limiti di legge». Intanto stamattina ancora un blocco dei comitati forzato dalla polizia. Guarda foto e video

Salvo Catalano

Per anni gli attivisti No Muos sono stati abituati a vedere le parabole in posizione orizzontale rivolte verso il cielo. Negli ultimi mesi l'impianto satellitare per le comunicazioni militari della Marina Usa si è mosso appena. Così quando l'1 marzo le tre antenne di Niscemi si sono orientate verso una posizione insolita e, soprattutto, si è accesa una luce blu, grande è stata l'indignazione dei comitati, soprattutto perché la novità si registrava pochi giorni dopo la sentenza del Tar di Palermo che ha dichiarato «abusivi» i lavori eseguiti per il Muos. «Luce gialla: si muove. Luce blu: trasmette», spiegano gli attivisti attingendo l'informazione da un vecchio articolo del quotidiano La Sicilia, in cui a parlare era un addetto statunitense. 

Dall'ambasciata Usa a Roma confermano che in questi giorni è iniziata «una fase di prove durante la quale le emissioni emesse sono continuamente monitorate e rispettano i limiti imposti dalle leggi italiane ed europee». L'addetto stampa statunitense, Jeff Galvin spiega che «manca ancora il lancio dell'ultimo satellite affinché l'impianto sia completo e definitivamente operativo, cosa che avverrà entro la fine del 2015». 

Stamattina davanti alla base militare si sono registrati momenti di tensione tra comitati e forze dell'ordine che scortavano un convoglio con operai italiani. «Dalle 7 - comunica il comitato di base di Niscemi - attivisti e mamme No Muos si sono dati appuntamento nuovamente davanti al cancello 1 della base Usa di contrada Ulmo, per bloccare il transito degli operai in ingresso. La situazione è apparsa stranamente calma fino alle 9.30. Ma quando il presidio sembrava essersi smobilitato, una chiamata ha avvisato gli attivisti dell’imminente arrivo di un convoglio in direzione della base». Il gruppo è tornato quindi davanti al cancello cercando di ostacolare il passaggio, ma il blocco è stato forzato e gli operai sono entrati nella base. La stessa dinamica era avvenuta anche lo scorso 26 febbraio.

Gli attivisti di Niscemi hanno rafforzato i blocchi alla base nei giorni successivi alla sentenza del Tar che, smentendo la Regione, ha dichiarato abusivi i lavori del Muos, privi delle necessarie autorizzazioni, e ha sottolineato anche la superficialità degli studi scientifici che attestavano l'assenza dei rischi per la salute umana. «L’annullamento - spiegano i comitati - ha efficacia sin dall’origine ed i lavori sono da considerare integralmente abusivi. A prescindere da ogni altra conseguenza, quindi, anche il loro utilizzo, in qualsiasi forma è da considerare illecito».

Da qui la richiesta - formalmente notificata dai legali del movimento No Muos,  Paola Ottaviano, Nello Papandrea e Nicola Giudice - al ministero dell’Interno, alla Questura di Caltanissetta, al Commissariato di polizia e alla stazione dei carabinieri di Niscemi di «prevenire e sanzionare il perpetrarsi di illeciti all’interno della base. Conseguentemente - continuano - sarebbe loro dovere verificare che operai o attrezzature non siano fatti entrare per operare sulle parabole del Muos». 

Intanto l'ambasciata Usa non si sbilancia sulla possibilità di un'opposizione alla sentenza. «Abbiamo il massimo rispetto delle leggi italiane, qualunque decisione verrà presa in coordinamento con le autorità italiane, di tutto il resto se ne riparlerà quando la sentenza diventerà definitiva».

Senza eventuali ricorsi, la decisione del Tar diventerebbe a breve definitiva. Ma dall'ambasciata statunitense spostano più avanti nel tempo eventuali prese di posizione. Ragione per cui è logico attendersi l'impugnazione della sentenza e quindi un secondo grado di giudizio. Resta da vedere se a opporsi sarà la stessa ambasciata Usa o se il compito verrà lasciato al ministero della Difesa,, visto che quest'ultimo è una delle parti che esce sconfitta dal primo grado di giudizio, essendo il suo ricorso stato respinto dal Tar. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×