Arriva dall’Etna il primo spumante da Nerello Cappuccio

Due vitigni autoctoni dell’Etna, il Catarratto e il Nerello Cappuccio, spumantizzati secondo il metodo tradizionale Charmat lungo nelle versioni bianco e rosè. Due prodotti di nicchia che completano la linea Mirantur dell’azienda Serafica Terra di Olio e Vino di Nicolosi, che opera da oltre mezzo secolo sul versante sud del vulcano, nati dalla sperimentazione avviata per indagare nuove produzioni in un periodo storico in cui la Sicilia, e in particolare l’Etna, si è riscoperta territorio d’eccellenza per la produzione di spumanti.
Bollicine insomma che stuzzicano sempre più e che non hanno lasciato indifferenti neanche Serafica.
“Siamo molto emozionati –spiega Giuseppe Borzì, responsabile commerciale dell’azienda– perché giorno dopo giorno aggiungiamo un piccolo tassello nel percorso di crescita della nostra realtà familiare. I Mirantur, nella versione spumante, hanno tutta l’effervescenza e l’unicità di due vini che non solo ci rappresentano ma che ci fanno ben sperare per il futuro. Il versante Sud ha un potenziale incredibile e, proprio qui, cerchiamo di convogliare al meglio i nostri sforzi e abilità imprenditoriali”.
I vigneti dell’azienda, tutti in regime biologico, allevati a circa 900 metri sul livello del mare, godono di uno straordinario equilibrio grazie all’acidità e alla freschezza, ideali per la produzione di vini spumanti. “Nonostante sia riconosciuta la vocazione dei territori dell’Etna, ritengo che non sia affatto scontato ottenere un risultato qualitativo di così alto profilo -sottolinea l’enologo Nicola Colombo-. Con questi due nuovi spumanti, riteniamo di aver esaltato al meglio le caratteristiche varietali di Nerello Cappuccio e Catarratto grazie anche alla rifermentazione con Metodo Charmat Lungo. Siamo certi che questo rappresenta un grande passo non solo per Serafica ma anche per l’intero Sistema Vino dell’Etna, per questo nutriamo grandi aspettative per il prosieguo”.
Il Mirantur Bianco spumante da uve di Catarratto, più nel dettaglio, presenta un perlage fine e persistente. Il colore è giallo paglierino, brillante. Il profumo è intenso e fresco con sentori di fiori e frutta gialla. In bocca è sapido e piacevole con sentori di aromi secondari come miele e crosta di pane. Ideale per l’aperitivo, si lascia apprezzare anche a tutto pasto. Ne sono state prodotte solo 3.386 bottiglie.
Anche il Mirantur Rosè spumante da uve di Nerello Cappuccio presenta un perlage fine e persistente. Il colore è rosa tenue. I profumi delicati; al naso note di fragoline, pompelmo rosa, ribes e rosa canina. In bocca si avverte eleganza ed equilibrio. Ottimo per l’aperitivo, viene consigliato in particolare con risotti a base di pesce. Anche in questo caso ne sono state prodotte 3.386 bottiglie


Dalla stessa categoria

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo