Amministrative 2018, in Sicilia si vota il 10 giugno Chiamati alle urne 137 Comuni, cinque capoluoghi

Nuova chiamata alle urne per i residenti di 137 comuni siciliani. Il 10 giugno si vota per eleggere sindaci e consigli comunali. Lo ha deciso ieri la Regione. Un terzo dunque delle città dell’Isola torneranno ai seggi, a distanza di tre mesi dalle Politiche. Cinque i capoluoghi che rinnoveranno le cariche amministrative: Catania, Messina, Ragusa, Siracusa e Trapani. Diciotto i comuni con popolazione superiore ai 15mila abitanti, dove viene applicato il sistema elettorale maggioritario a doppio turno. In provincia di Palermo sono 26 i Comuni che andranno alle urne, in quella di Catania 22, nel Messinese 35, in provincia di Ragusa quattro, a Siracusa otto, a Trapani 13, a Enna sette, uno in più della provincia di Caltanissetta, nell’Agrigentino 16.

A Catania ancora in forse la ricandidatura del sindaco Enzo Bianco; il centrodestra ha scelto l’europarlamentare di Forza Italia Salvo Pogliese; espressione della società civile è Emiliano Abramo, presidente della Comunità di Sant’Egidio etnea. Accanto ai tre, si è fatto avanti anche il discusso consigliere di Forza Italia Riccardo Pellegrino. Si attende il nome del Movimento 5 stelle. 

A Messina la campagna elettorale per eleggere il nuovo primo cittadino è già partita da tempo. Oltre all’attuale primo cittadino Renato Accorinti, hanno ufficializzato la propria candidatura Cateno De Luca; il consigliere comunale di Forza Italia, Pippo Trischitta; e il professore Dino Bramanti, scelto dal centrodestra. Sabato prossimo toccherà al consigliere del gruppo misto Santi Daniele Zuccarello rompere gli indugi. Oggi invece si riunisce il Pd che sarà chiamato a esprimere un candidato e avrà un peso determinante l’asse composto dal rettore e neo deputato renziano Pietro Navarra e dall’ex deputato regionale di Sicilia Futura Giuseppe Picciolo. Nei mesi scorsi si era vociferato che il presidente dell’ordine degli avvocati Enzo Ciraolo potesse essere l’uomo in grado di mettere d’accordo destra e sinistra. Rumors parlano della disponibilità di Felice Calabrò. Ma nello scacchiere delle candidature, manca ancora quella del Movimento cinque stelle. Da tempo si parla della possibilità che sia l’attuale ingegnere capo dell’ispettorato del lavoro Gaetano Sciacca

Nessun dubbio a Siracusa dove, all’indomani delle elezioni politiche che hanno visto il collegio aretuseo premiare il Movimento 5 stelle con la percentuale di consenso più alta della Sicilia, è arrivato anche l’annuncio del candidato pentastellato a sindaco. Si tratta di una donna, Silvia Russoniello, 43enne di Belvedere attivista del meetup siracusano, molto vicina al deputato regionale più votato del M5s, Stefano Zito. Altro nome è quello di Giovanni Randazzo, che si presenta con una lista civica che rappresenterà il mondo dell’associazionismo ambientalista. Tra gli altri pretendenti alla guida della città aretusea c’è sicuramente Vincenzo Vinciullo, l’esponente di Alternativa popolare. Alla fine dello scorso dicembre, anche l’attuale sindaco uscente renziano Giancarlo Garozzo aveva annunciato la propria volontà a correre per un secondo mandato. Sono più recenti le dichiarazioni dell’ex candidato del centrodestra nel 2013 Ezechia Paolo Reale sulla volontà di candidarsi di nuovo a primo cittadino con il simbolo di Progetto Siracusa. Fra i nomi non ancora confermati resta quello di Massimo Milazzo, l’ex consigliere comunale a capo del movimento Sistema Politico, che ha rassegnato le dimissioni dal civico consesso alla fine del 2016.

A Ragusa, il primo cittadino uscente, Federico Piccitto, ha fatto sapere di non volersi ricandidare e il Movimento cinque stelle ha scelto di affidarsi ad Antonio Tringali. Il Partito Democratico ha scelto Giuseppe Calabrese, la cui campagna elettorale è già entrata nel vivo. Al suo fianco, oltre al Pd, Calabrese avrà il movimento Territorio del parlamentare regionale Nello Dipasquale, al quale nei prossimi giorni si potrebbero aggiungere delle liste civiche. C’è poi Giorgio Massari, ex sindaco ed ex capogruppo del Pd, che è a capo del movimento Ragusa Prossima, e ha ufficializzato la propria candidatura a sindaco già in estate. C’è un altro ex sindaco in corsa: Tonino Solarino, mentre il volto femminile di questa campagna elettorale ragusana è quello di Sonia Migliore che si presenta con il sostegno di Lab 2.0 e quattro liste civiche.

A Trapani, che torna al voto a un anno dal terremoto politico e giudiziario che l’ha investita e che continua a riservare pesanti strascichi, mancano ancora le ufficialità, ma alcuni nomi sembrano avere la candidatura a portata di mano: il Partito democratico dovrebbe schierare Giacomo Tranchida, presidente del consiglio comunale di Erice che per un soffio a novembre non è diventato deputato regionale. Il centrodestra appare diviso: c’è Giuseppe Guaiana, delfino dell’ex senatore e candidato sindaco un anno fa Antonino D’Alì (su cui grava l’accusa di pericolosità sociale per i legami del passato con Cosa Nostra). Guaiana ha lanciato il movimento Amo Trapani. Ma c’è anche l’ex deputato regionale Giuseppe Maurici, che sarebbe l’uomo del commissario di Forza Italia Giancarlo Micciché, in rotta con D’Alì. Resta da vedere cosa farà e chi indicherà Girolamo Fazio, ancora al centro delle indagini degli inquirenti nell’inchiesta Mare Monstrum. Si attende anche il nome del Movimento 5 stelle, dove avrà un peso nella scelta il senatore, appena riconfermato, Vincenzo Maurizio Santangelo.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]