Aerial: il grande ritorno di Kate Bush

KATE BUSH – AERIAL (2005, EMI)

 

– A Sea Of Honey –

1 King Of The Mountain

2 Pi

3 Bertie

4 Mrs. Bartolozzi

5 How To Be Invisible

6 Joanni

7 A Coral Room
A Sky Of Honey –

1 Prelude

2 Prologue

3 An Architect’s Dream

4 The Painter’s Link

5 Sunset

6 Aerial Tal

7 Somewhere In Between

8 Nocturn

9 Aerial

 

Dodici anni sono tanti, troppi, nella carriera di un artista, per essere passati nel silenzio, quasi nell’anonimato. Ma dodici anni sono anche un lasso di tempo rilevante nella vita di una persona, e lo sa bene Kate Bush, ripresentatasi con una nuova uscita discografica dopo il deludente “The Red Shoes” datato addirittura 1993. Aerial, doppio album dedicato dalla Bush al figlioletto Bertie nato nel ’98, si presenta come il degno contenitore di dodici anni di vita, dodici anni di passioni, emozioni e sensazioni, un lavoro che a detta della stessa cantante rappresenta “un viaggio nei due volti dell’essere umano, quello sociale e quello primitivo”. E come darle torto, i due lati di “Aerial” si dividono alla perfezione l’essenza umana. Il primo disco, “A Sea Of Honey”, etereo e rarefatto nel suo lento incedere, ci mostra nei suoi sette brani una Kate Bush particolarmente in sintonia con chi gli sta intorno: il singolo King Of The Mountain (che ci riporta indietro nel tempo ai vecchi lavori dell’artista), Bertie (brano evidentemente collegato al figlio, dal particolare andamento retrò), Mrs. Bartolozzi (ispirata alle vicende di una fantomatica donna delle pulizie) e A Coral Room (stupendo brano piano e voce, forse il migliore dell’intero album), sono gli episodi più riusciti di questo lato intimistico di “Aerial”. Il secondo disco, “A Sky Of Honey”, mette invece in relazione l’artista con la natura che la circonda: la luce, il tramonto, il canto degli uccelli, sono questi gli argomenti della lunga suite (suddivisa in nove brani) che racconta l’evolversi di una giornata terrestre dall’alba al crepuscolo passando per tutte le sue fasi; un po’ etnico un po’ new-age, questo secondo lato di “Aerial” è la vera chicca per i fans, e ci dimostra l’evoluzione della donna prima che dell’artista, adesso intenta a dipingere armonici e soavi paesaggi piuttosto che ruvido pop elettronico. Se il risultato è così corposo, così “massiccio” (dal punto di vista dell’intensità emotiva) e così passionale, vale davvero la pena attendere altri dodici anni prima di godere di un nuovo album di Kate Bush.

 

Nota 1: nella stesura dell’album Kate Bush si è avvalsa del supporto di un gran numero di vecchi amici, in gran parte già con lei nei precedenti lavori, fra i quali ricordiamo i batteristi Steve Sanger e Peter Erskine, il chitarrista Dan McIntosh, i bassisti Eberhard Weber e John Giblin e l’ingegnere del suono Del Palmer.

Nota 2: la copertina del singolo “King Of The Mountain” è stata disegnata dal figlio della Bush.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]