Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Montante interrogato, la stanza segreta e le pen drive
«In quell'archivio custoditi anche fascicoli dati da altri»

Ha parlato per sei ore davanti ai pubblici ministeri di Caltanissetta, puntando il dito contro i suoi accusatori e rispondendo a tutte le domande: dai documenti nascosti in casa - «molti ne conoscevano l'esistenza» - alle chiavette trovate spezzate nella sua abitazione di Milano al momento dell'arresto

Salvo Catalano

In quella stanza che i magistrati di Caltanissetta definiscono «segreta» «non c'è niente di segreto, solo documenti pubblici, e pure i fascicoli che mi portavano Cicero, Venturi ed altri». Antonello Montante risponde per oltre sei ore ai pm nisseni nel primo interrogatorio dopo il terremoto giudiziario che lo ha portato agli arresti domiciliari con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di delitti contro la pubblica amministrazione – quali la corruzione e la rivelazione di segreto d’ufficio – e all’accesso abusivo a un sistema informatico. 

L'ex numero uno di Confindustria Sicilia ha parlato del mega archivio nascosto dietro una libreria e una porta blindata. «Quella stanza - spiega uno dei suoi avvocati, Nino Caleca - era spesso aperta, la libreria solo accostata. Tutti gli amici che andavano a cenare a casa di Montante ne conoscevano l'esistenza. Anzi, Montante ha spiegato che suoi colleghi industriali, a cominciare da Cicero e Venturi (i due grandi accusatori insieme ai pentiti ndr), gli portavano fascicoli da custodire lì dentro».

Ecco il primo punto della difesa: l'ex paladino dell'antimafia prende le distanza da alcuni fascicoli sequestrati dalla Procura, a cominciare da quello che certifica un accesso allo Sdi, la banca dati che utilizzano le forze dell'ordine per le indagini . «Non ne conosceva il contenuto - afferma Caleca - perché alcune cose le conservava senza neanche leggerle». In ogni caso, «da queste presunte informazioni segrete non ha mai ottenuto vantaggi, né appalti, né finanziamenti».

C'è poi il caso delle pen drive distrutte. Montante è stato arrestato all'alba di lunedì 14 maggio nella sua casa di Milano. Prima di aprire agli agenti della squadra mobile di Caltanissetta, ci ha messo un po'. E gli investigatori sono convinti che quel tempo sia servito per distruggere alcune pen drive, trovate effettivamente spezzate nell'abitazione. Diversa la versione della difesa. «Nell'abitazione sono state trovate 50 piccole pen drive, di cui 24 spezzate e 26 integre - precisa il legale, riportando la versione dell'imprenditore - lui le rompeva dopo averle trasferite in una pen drive più grande. Quindi quelle 24 trovate spezzate non le ha certo rotte in mezz'ora, ma è un lavoro fatto nelle settimane precedenti». Tutto il materiale, in ogni caso, è stato sequestrato dalla mobile e verrà analizzato. «Non ho capito che si trattava della polizia di Caltanissetta», così invece Montante avrebbe giustificato il ritardo nell'aprire la porta, nonostante gli agenti si siano presentati con il più classico degli «Aprite, polizia».

Nelle oltre 2.500 pagine dell'ordinanza di arresto, si racconta il piano, messo in atto durante un arco di tempo durato anni, che sarebbe servito a nascondere le prove del suo legame con Vincenzo Arnone e col padre Paolo Arnone, boss di Serradifalco, paese di Montante. A cominciare da alcuni documenti che sarebbero dovuti essere conservati nella sede di Confindustria Caltanissetta e che invece gli investigatori non hanno trovato. In sede di interrogatorio, Montante ha sottolineato che quelle carte non sono state distrutte ma le ha portate vie lui «per motivi di sicurezza» e si è riservato di consegnarle ai magistrati. 

L'imprenditore ha quindi ribadito le sue accuse di inattendibilità nei confronti dei suoi grandi accusatori: i colleghi Marco Venturi e Alfonso Cicero e i diversi pentiti, a cominciare da Dario Di Francesco, stretto collaboratore degli Arnone prima e reggente della famiglia a Serradifalco dopo. «Ho sposato le istituzioni - avrebbe detto Montante ai pm - ho stravolto la mia vita e sono sicuro che non posso più tornare indietro. Cosa nostra mi farà pagare prezzi ancora più alti».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×