Ragusa, esplosione in appartamento nella notte
Coppia di anziani in fin di vita, trovato bidoncino

Salvo Catalano

Cronaca – I soccorritori si sono trovati uno scenario disastroso: l'abitazione chiusa dall'interno, fiamme in due stanze, i corpi in camera da letto e due pareti crollate. Nessuna bombola né altre fonti di gas. Sono adesso in gravissime condizioni i due coniugi ottantenni, di cui si cercano i parenti. Guarda le foto

Un'esplosione e un incendio i cui contorni lasciano perplessi i soccorritori. È successo stanotte, a Ragusa, in un appartamento al piano terra di via Archimede in cui si trovavano due anziani coniugi: Salvatore Miosi, 83enne e la moglie Iva Fratantonio, di qualche anno più piccola. La coppia è ricoverata in condizioni gravissime, a causa delle ustioni riportate su oltre l'80 per cento del corpo. 

I vigili del fuoco sono intervenuti dopo una segnalazione al numero unico di emergenza del 112, disastroso lo scenario che si sono trovati davanti: l'uomo era disteso a terra vicino al letto, la coperta che aveva ancora addosso, arsa dal fuoco, ha reso molto difficoltoso il recupero dell'83enne; la donna, anche lei in camera da letto, era seduta su una sedia, vicino alla finestra. Le fiamme hanno avvolto anche il soggiorno attiguo. Ad arrecare i maggiori danni alla casa è stata però l'esplosione che ha causato il crollo di due pareti interne. 

Non è chiaro da dove abbia avuto origine il botto, i vigili del fuoco hanno al momento due certezze: non c'erano bombole nell'appartamento, né altre fonti di gas; hanno invece trovato un bidoncino vuoto che è stato affidato ai carabinieri, le analisi diranno se conteneva liquido infiammabile. Al momento nessuna pista investigativa è esclusa. 

L'abitazione a piano terra colpita dall'esplosione fa parte di un edificio a due piani, in quello più alto vive una famiglia che è stata svegliata dal boato. Disabitato invece l'immobile accanto. I vigili del fuoco intervenuti sul posto poco prima delle due di stanotte hanno finito le operazioni soltanto intorno alle otto del mattino. Restano gravissime le condizioni dei due anziani, arrivati all'ospedale di Ragusa in codice rosso. L'uomo è stato trasferito nella notte al centro grandi ustioni dell'ospedale Cannizzaro di Catania. Gli investigatori stanno cercando di contattare i parenti della coppia, al momento però senza esito. Gli anziani non avevano figli e Miosi era originario di Palermo.