Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Finanziaria, Soprintendenze abrogate con una frase
Sgarbi: «Un errore, ma potrebbe essere opportunità»

Un comma del testo approvato dal governo Musumeci prevede una rivoluzione in tema di Beni culturali. Cancellati con un colpo di penna gli enti che si occupano della tutela dei beni culturali e ambientali. Ma il capo di gabinetto dell'assessorato spiega: «C'è stato un refuso, gli articoli da cancellare erano altri»

Salvo Catalano

Un comma di appena una riga per cancellare tutte le Soprintendenze ai Beni culturali della Sicilia. La legge è inserita nella Finanziaria regionale approvata dal governo Musumeci e che deve essere discussa dall'Assemblea regionale siciliana. Ma stando agli uffici, si tratterebbe di un refuso, dagli effetti devastanti, da cambiare il prima possibile.

All'articolo 14, dedicato alle disposizioni in materia di Beni culturali, il comma 4 recita: «Sono abrogati gli articoli da 8 a 13 della legge regionale 1 agosto 1977 numero 80». Poche parole che nascondono una rivoluzione: quegli articoli istituiscono infatti le Soprintendenze ai beni culturali e ambientali, ne definiscono la struttura e assegnano le competenze.  

«Non ne sapevo nulla - commenta a MeridioNews Gaetano Armao, assessore all'Economia che della finanziaria è, per ruolo, il promotore - l'articolo relativo ai Beni culturali ci è stato consegnato dal capo di gabinetto ai Beni culturali. Ma cambieremo subito questa legge». La risposta arriva proprio da Sergio Gelardi, capo di gabinetto di Vittorio Sgarbi. «È un errore - spiega - nessuno vuole cancellare le soprintendenze, gli articoli che vogliamo abrogare non sono quelli della legge 90 del '77 (come scritto nel testo della finanziaria ndr), ma della legge 116 dell'80». La volontà dell'assessorato è quella di unificare due centri, quello dedicato al Restauro e quello al Catalogo, in un unico ente, privandolo di autonomia finanziaria e di struttura autonoma. «Sono già nello stesso immobile e nell'ultimo bilancio per il loro finanziamento sono stanziati solo 25mila euro - continua Gelardi - nei fatti sono già sotto l'ala dell'assessorato in tutto e per tutto». Per raggiungere questo scopo gli articoli da abrogare sarebbero quelli dal 7 al 13 della legge 116 del 1980. «L'errore verrà corretto, probabilmente con un emendamento del governo, già in sede di commissione», conclude il capo di gabinetto dell'assessore Sgarbi.

Chi non si dice preoccupato è invece proprio Sgarbi. «Non sapevo della norma - dice a MeridioNews - ma può essere un errore fertile». Favorevole ad abrogare le Soprintendenze? «Non ad abrogarle, ma a rivederle profondamente e in particolare non separarle per divisione geografica, ma piuttosto per competenze. Il refuso è una casualità, ma bisogna capire se rappresenta davvero un errore o se è meglio compiacersi del destino e approfittarne».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×