Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agrigento: presunto appalto truccato, interviene Regione
Falcone: «Perplesso, abbiamo convocato ingegnere capo»

Dopo il caso sollevato in esclusiva da MeridioNews, grazie a una registrazione in cui, mesi prima dell'aggiudicazione, l'imprenditore che ha vinto la gara parlava delle ditte da invitare, prende posizione l'assessore alle Infrastrutture: «Se dovessero emergere profili di irregolarità saremo intransigenti»

Simone Olivelli

«L'ingegnere Alongi è stato convocato mercoledì per chiarire come sono andate le cose. Se dovessero emergere profili di irregolarità saremo intransigenti». Ad assicurare la volontà da parte del governo regionale di andare a fondo al caso della presunta turbativa d'asta, che avrebbe condizionato la gara d'appalto da 350mila per lavori sulle strade di Caltabellotta, è l'assessore alle Infrastrutture Marco Falcone

La vicenda è stata portata alla luce da MeridioNews con la pubblicazione di un audio in cui si sente l'imprenditore della BDF Appalti, Bartolomeo De Francisci - futuro vincitore dell'appalto - parlare col titolare di un'altra impresa per proporgli il coinvolgimento nella turbativa. Nello specifico De Francisci afferma di avere la possibilità di definire l'elenco delle imprese da invitare alla gara, nonostante la selezione delle stesse dovrebbe spettare alla stazione appaltante, in questo caso rappresentata dal Genio civile di Agrigento. E a essere tirato in ballo nel colloquio è anche l'ingegnere capo dell'ente territoriale Duilio Alongi. «Dopo un anno che vado appresso all'ingegnere Alongi, finalmente pigliai sta cosa», racconta De Francisci. Dal canto suo, Alongi si è detto totalmente estraneo ai fatti e ha annunciato di avere sospeso l'aggiudicazione, in attesa di annullarla e di inviare le carte in procura. Aggiungendo di essere intenzionato a denunciare per diffamazione i protagonisti della registrazione.

«Ho sentito l'audio ieri sera - commenta Falcone - e ammetto che più di qualche perplessità l'ho avuta. Prima di intraprendere qualsiasi azione sanzionatoria, però, vogliamo fare verifiche interne ed è per questo che ascolteremo la versione di Alongi». La vicenda arriva proprio nei giorni in cui Musumeci ha annunciato lo stanziamento di un fondo di rotazione da undici milioni di euro per finanziare interventi di contrasto al rischio idrogeologico: «Innalzeremo ulteriormente l'attenzione su come verranno gestite queste risorse», assicura Falcone. 

Intanto a volere ascoltare Alongi è anche il dirigente del dipartimento regionale di protezione civile Calogero Foti. È lui, infatti, che l'anno scorso ha firmato il decreto di finanziamento per i lavori a Caltabellotta, dopo i danni causati dal maltempo nel 2015. «Non ho sentito l'audio ma ho letto la notizia - commenta a MeridioNews -. Domani contatterò l'ingegnere del Genio per capire come sono andate le cose». Foti si esprime anche in merito al passaggio in cui Alongi dichiara di avere attinto i nomi delle ditte da invitare dall'elenco regionale del commissario per il rischio idrogeologico: «Era tra le prescrizioni, ma vogliamo capire quale criterio abbia adottato - specifica Foti -. Avrebbe dovuto informarci a suo tempo, adesso glielo chiederemo noi». 

Il dirigente regionale ritiene poi che, anche qualora si appurassero irregolarità nella gestione della gara, si tratterebbe di un caso sporadico: «Sono notizie che fanno dispiacere, perché vorremmmo che anche nelle sedi distaccate e nelle stazioni appaltanti locali tutto avvenisse nella massima trasparenza che contraddistingue il nostro operatore negli uffici regionali».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×