Chiudi ✖
15

Monterosso, Musumeci prende distanze da nomina
«Scelta di Miccichè, con me concordati solo i tempi»

Simone Olivelli

Politica – Il presidente della Regione specifica che la fondazione Federico II è «uno strumento del presidente dell'Ars». Il Movimento 5 stelle attacca richiamando le parole del commissario forzista. Il deputato questore Assenza dà però a MeridioNews una versione più moderata: «Miccichè ha detto solo di avere informato Musumeci»

Ufficialmente non una presa di distanza, ma solo un distinguo su settori di competenza e dettagli tecnici. Ma l'argomento è caldo e dunque è inevitabile cercare tra le righe. La nomina di Patrizia Monterosso alla guida della fondazione Federico II continua a fare discutere. Il presidente della Regione, Nello Musumeci, questa mattina vi ha fatto accenno all'inizio della conferenza stampa convocata per informare sulle ultime decisioni prese nella gestione dei rifiuti

Musumeci si è espresso sulla genesi della scelta dell'ex segretaria generale - nei mesi scorsi al centro delle critiche, da una parte per le modalità con cui in passato è avvenuta la nomina a superburocrate e dall'altra per l'accusa di peculato nella vicenda degli extrabudget alla Formazione - sottolineando come non spettasse a lui fare il nome per la fondazione. «Il presidente dell'Ars mi dice che vorrebbe assumere alla fondazione la dottoressa Monterosso - ha detto Musumeci -. Naturale che con me deve concordare i tempi perché le avevo dato le ferie. Abbiamo concordato assieme i tempi». Dunque tecnicismi e nessun intervento nel merito. «Non c'entro con la Fondazione, è uno strumento che appartiene al presidente dell'Assemblea», ha tagliato corto il presidente della Regione.

A commentare le dichiarazioni è stato Giancarlo Cancelleri del Movimento 5 stelle. «Il fatto è veramente grave, visto che ci troviamo di fronte a due persone istituzionalmente importanti - dichiara in una nota il deputato -. Se qualcuno pensa che io abbia avuto le traveggole sappia che c'è una persona al di sopra di ogni sospetto che può confermare tutto: Giorgio Assenza. Il presidente del collegio dei questori era presente quando Miccichè ha detto che la scelta della Monterosso era concordata con Musumeci, e lo ha detto nel corso di un ufficio di presidenza dell'Ars. Basta chiedere a lui per svelare l'arcano. La verità  - assicura Cancelleri - è una sola: Musumeci aveva detto in tutte le salse che avrebbe fatto fuori la Monterosso. I fatti dicono però il contrario: le hanno solo cambiato la poltrona». Contattato da MeridioNews, Assenza specifica di non avere mai sentito Miccichè dire che la scelta di Monterosso fosse avallata con Musumeci. «Ha solo detto che aveva parlato con il presidente, ma nel senso di averlo informato».