Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Santa Croce Camerina, l'acqua invade le serre
Imprenditori in ginocchio al momento del raccolto

Tutta la fascia trasformata tra Scoglitti e Scicli è stata devastata dalle piogge. I danni, ancora da calcolare, si prevedono notevolissimi. A Santa Croce il sindaco Giovanni Barone racconta che stanotte diverse persone non potranno dormire nelle loro case. In 12 ore caduti 137 millimetri di pioggia. Guarda foto e video

Valentina Frasca

Nel Ragusano la situazione è più grave di quello che si potesse pensare. Adesso che la pioggia ha smesso di cadere, inizia a delinearsi un panorama veramente spaventoso. È come se un maremoto si fosse abbattuto sugli iblei, devastando in particolare la fascia trasformata che va da Scoglitti a Scicli. Epicentro di questo sisma meteorologico sembra essere Santa Croce Camerina, dove al momento si registrano i danni più consistenti. Qui alcune persone stasera, fa sapere il sindaco Giovanni Barone, non dormiranno a casa, perché le strutture, alla periferia del piccolo centro cittadino, sono completamente allagate e hanno trovato sistemazione provvisoria a casa di parenti.

Ma è nelle aziende che in queste ore si sta piangendo davvero. La furia dell’acqua ha travolto tutto, molte serre erano pronte al raccolto e non è rimasto più nulla, fortunatamente non ci sono state vittime. Il censimento dei danni è in corso e Barone fa sapere che appena avrà chiaro il quadro della situazione chiederà lo stato di calamità naturale. Un evento tanto violento a Santa Croce nessuno pare ricordarlo, è crollato anche il muro di una casa e le zone maggiormente colpite sono quelle al confine con Ragusa e all’uscita per Scoglitti. Allagata anche la rotatoria per Marina di Ragusa e la Santa Croce-Punta Secca. In 12 ore sono caduti al suolo 137 millimetri di pioggia, gli interventi di protezione civile e vigili del fuoco non si contano più, in alcuni punti il manto stradale si è sollevato o sbriciolato.

«Sin da quando è iniziato il diluvio di oggi – fa sapere il sindaco di Vittoria, Giovanni Moscato - stiamo seguendo, con l'ufficio tecnico e la protezione civile, la situazione in città intervenendo per limitare i disagi. Disagi che, purtroppo, ci sono ogni qualvolta piove più del dovuto. Le città e i sindaci in Sicilia sono stati completamente abbandonati dalla Regione e sono lasciati da soli ad affrontare emergenze e criticità».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×