15

Basket, l’Olimpia Milano è troppo forte
Orlandina esce a testa alta dai play off

Luca Di Noto

Sport – Termina 3-1 in favore dei campioni d’Italia la serie della sfida dei quarti di finale. Forbice scavata già nel primo quarto e ampliata col passare dei minuti. Nel finale i siciliani rientrano in partita, con un parziale di 8-0 e il pubblico che ha iniziato a crederci, ma è solo un'illusione. Punteggio finale 62-77

Finisce in Gara 4 dei quarti di finale dei play off la stupenda stagione della Betaland Capo d’Orlando. Niente da fare, al PalaFantozzi, contro i campioni d’Italia dell’Olimpia Milano, che riescono a ribaltare la serie dallo 0-1 fino al 3-1, decisivo per il passaggio in semifinale. L’Orlandina, arrivata a questa Final Eight da vera e propria cenerentola, può uscire a testa altissima, ben consapevole di aver messo in seria difficoltà la corazzata milanese, strafavorita per il titolo finale.

Parte subito forte la squadra ospite, che si porta subito avanti con Cinciarini. La Betaland si sblocca grazie a Tepic, ma Pascolo e trovano il +8 per Milano. Coach Di Carlo è costretto al time out, ma l’Olimpia continua a dominare e la tripla di Macvan vale il 4-17. Archie e Ivanovic non ci stanno e rendono meno amaro il parziale, con il punteggio che alla prima sirena è sul 12-24. Nel secondo periodo la musica non cambia, con i lombardi che allungano e costringono ancora una volta Di Carlo al time out forzato. Diener va a segno in penetrazione, Hickman risponde da tre per il 18-31. La forbice tra le due squadre si allarga a quindici punti, poi Archie trova una tripla importante prima del canestro di Simon che vale il 31-45 all’intervallo lungo.

Al rientro sul parquet, il solito copione, con l’Olimpia che continua a volare e si porta sul +19. Il PalaFantozzi diventa una bolgia dopo un tecnico fischiato a Raduljica e una schiacciata di Archie, ma il divario viene allargato ancora di più da Hickman. Con la tripla di Kikowski e la penetrazione di Ivanovic, i paladini provano a rientrare in partita, ma Delas è poco preciso in lunetta. Ci pensa Berzins per il momentaneo -11, prima che Hickman allunghi ancora per Milano sul 49-65 alla terza sirena. Nell’ultimo quarto, l’Orlandina dimostra di crederci ancora e opera un clamoroso tentativo di rimonta, trovando un incredibile parziale di 8-0 per il momentaneo 57-65. Il pubblico è in delirio e coach Repesa chiama time out, vitale per Milano che ritrova il canestro dopo alcuni minuti di digiuno. Berzins trova nuovamente il -10 a due minuti dal termine, ma Milano mette il punto esclamativo nel finale realizzando i punti per il definitivo 62-77.

Betaland Capo d’Orlando-Emporio Armani EA7 Milano 62-77
Parziali
: 12-24, 19-21, 18-20, 13-12

Betaland Capo d’Orlando: Tepic 7, Iannuzzi 8, Laquintana 2, Nicevic 0, Kikowski 6, Delas 5, Diener 4, Ivanovic 6, Archie 15, Berzins 9. Coach: Di Carlo.

Emporio Armani EA7 Milano: McLean 8, Fontecchio 0, Hickman 10, Kalnietis 4, Raduljica 8, Macvan 15, Pascolo 12, Cinciarini 6, Abass 3, Simon 11. Coach: Repesa.