Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sanità, ministero chiude quattro punti nascita
«Necessario per sicurezza di mamme e bambini»

A Petralia Sottana, Santo Stefano di Quisquina, Lipari e Mussomeli non si partorirà più. All'origine della decisione la considerazione per cui i reparti dove nascono meno di 500 bambini l'anno non sarebbero sicuri. Ma esistono altri problemi: «Luoghi difficili dal punto di vista viario» dichiara il deputato Giovanni Panepinto

Redazione

Mentre gli ispettori del ministero della Salute si recano al Nord per capire se i recenti decessi nei reparti di neonatologia siano soltanto un caso, in Sicilia i punti nascita chiudono. Come già annunciato da tempo, ieri hanno chiuso i battenti i reparti di Petralia Sottana, Santo Stefano di Quisquina, Lipari e Mussomeli. Mentre, almeno per il momento, sono stati salvati quelli di Licata e Bronte. Secondo la ministra Beatrice Lorenzin, la decisione va nella direzione della tutela della salute: partorire in centri dove nascono meno di 500 bambini all'anno non è sicuro.

La valutazione di carattere sanitario, tuttavia, non pare aver tenuto conto delle altre difficoltà da affrontare per chi deve mettere a mondo un figlio. A partire dalle strade da percorrere che, come il 2015 ha ampiamente dimostrato, in Sicilia non sono un argomento secondario. «Sono stati chiusi definitivamente - dichiara il deputato regionale del Pd Giovanni Panepinto - due punti nascita collocati nelle zone più difficili dal punto di vista viario come quello di Petralia e Santo Stefano di Quisquina. Punti nascita situati in zone prive di collegamento viario efficiente, al centro di una rete di strade franate o che, a partire dai prossimi giorni e per mesi, saranno soggette a neve e ghiaccio». Per il capogruppo all'Ars del Partito democratico, l'argomento sicurezza va affrontato da tutte le prospettive: «Fermo restando la necessità di garantire la sicurezza di puerpere e neonati dando ai reparti personale e attrezzature mediche - continua - non possiamo dimenticare quanto sia essenziale creare condizioni di sicurezza anche per raggiungere un ospedale».

A commentare gli episodi degli ultimi giorni, ieri, è stato anche il presidente della Società italitana di ginecologia e ostetricia (Sigo), Paolo Scollo, secondo il quale la direzione intrapresa dal ministero è quella giusta: «In Italia si partorisce bene, abbiamo alta qualità e uno dei più bassi indici di mortalità materna. Siamo in linea con gli standard Ue - dichiara -. Non bisogna avere paura a partorire in Italia, ma ora bisogna forzare la mano sulla chiusura dei punti nascita con meno di 500 parti l'anno a garanzia di mamma e nascituro». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×