La vittima dello stupro di gruppo di Palermo si racconta in tv: «Io ero innamorata, mi fidavo, ma per lui ero un gioco»

«Io credo in ciò che sono e non ho un minimo di colpa». È con queste parole che Asia, la ragazza 19enne violentata da un gruppo di sette giovani la notte tra il 6 e il 7 luglio a Palermo, ha motivato la decisione di metterci la faccia e di raccontare tutto in una intervista di quasi mezz’ora durante il programma Avanti Popolo (in onda in prima serata su Rai3) condotto da Nunzia De Girolamo, la giornalista ex ministra delle Politiche agricole.

Il racconto della giovane vittima parte dall’infanzia: «Ho avuto un papà violento», ammette rispondendo alla domande della conduttrice, davanti alle telecamere che la inquadrano all’interno dello studio televisivo. Un genitore con cui è rimasta fino a quando aveva all’incirca tre anni. «Poi sono andata via insieme a mia madre». Una donna che è stata il punto di riferimento principale di Asia fino al momento in cui è morta – quando la ragazza aveva 14 anni – dopo una malattia (la sclerosi multipla) che l’aveva lasciata a lettsto paralizzata. Rimasta sola, la ragazza viene affidata a una comunità. Poi prova la convivenza con un ragazzo; i genitori di lui, però, non sono d’accordo, e così la relazione si interrompe e lei passa un’intera notte in piazza Indipendenza a Palermo.

Una vita complicata sin dall’infanzia costellata di abbandoni. «Passo degli alti e bassi – risponde la ragazza – La notte non dormo come prima, la sera arrivano i momenti in cui i pensieri risalgono di più in mente e piango». Davanti alle telecamere, invece, resta con lo sguardo alto senza piangere anche se spesso la voce tradisce l’emozione. Dopo la violenza di gruppo, la denuncia e le minacce che ne sono seguite, Asia ha dovuto lasciare la sua città d’origine. «I social mi stanno ammazzando – dice senza giri di parole – Ci sono persone che online mi colpiscono in pieno quando mi sento più debole». Parole degli haters che l’hanno ferita al punto di arrivare vicina a gesti estremi: «Ho provato anche a farla finita – ammette – mentre ero nella seconda comunità in cui mi hanno mandata».

L’intervista passa poi alla notte dello stupro di gruppo avvenuto in un cantiere abbandonato al Foro Italico del capoluogo siciliano. Una serata iniziata alla Vucciria insieme a un’amica con cui era uscita. È nella zona della movida che Asia incontra Angelo Flores e i suoi amici. «Io ero ossessionata da lui, ero innamorata – confida la giovane – ma per lui ero un gioco». Una consapevolezza che arriva dopo quella notte. «Mi ero legata, si dimostrava dolce. E mi fidavo: per la prima volta, con lui, al mare ero riuscita ad andare nell’acqua alta. Gli avevo raccontato anche tutta la mia vita. Lui – continua la ragazza – diceva che non mi avrebbe mai fatto del male e che non mi avrebbe mai abbandonata. Quando pioveva, mi copriva». Parole d’affetto e gesti di protezione che da quella sera scompaiono lasciando posto a violenza e risate.

Nelle fasi dello stupro, Flores è quello che riprende la scena con il suo cellulare. «Ricordo la torcia puntata addosso – ricostruisce la vittima – Era tutto un insieme di persone, un incubo. Mi hanno presa per la testa ed erano violenti. Ricordo soprattutto i dolori». Dalle indagini è emerso che lei chiedeva aiuto continuando a urlare: «Basta! Smettetela!». Loro invece la spogliano e abusano di lei. «Angelo rideva». E avrebbe continuato a ridere anche quando la ragazza gli ha chiesto di chiamare l’ambulanza assicurando che non avrebbe raccontato niente a nessuno. Loro scappano e vanno a mangiare come se nulla fosse accaduto. Lei viene soccorsa da due donne che passano per quella strada di Palermo.

«Abbiamo fatto un macello. Ci siamo divertiti, siamo stati un quarto d’ora e lei si è sentita male, è svenuta più di una volta», scrive il ragazzo che all’epoca era ancora minorenne a un amico. «Però, così, è brutto», gli risponde l’amico. «Troppo forte, invece!», ribatte lui ridendo. Anche Angelo Flores, l’indomani, scrive dei messaggi a un amico per commentare quanto accaduto: «Ieri sera, se ci penso, un po’ mi viene lo schifo perché eravamo cento cani sopra una gatta, ti giuro compà. Eravamo troppi. Sinceramente, mi sono schifato un poco. Ma, però, che dovevo fare? La carne è carne». Una frase che ha dato vita all’iniziativa sui social lanciata dalla vittima con l’hashtag #Iononsonocarne. Gli stessi social su cui, la ragazza violentata, è diventata vittima una seconda volta con offese, ingiurie, minacce e giudizi che tendono ad assolvere gli stupratori cercando di colpevolizzare la vittima. Lei, però, intanto, prova a guardare al futuro: «Vorrei un lavoro e iniziare a studiare Psicologia all’università proprio dopo quello che mi è successo. Mi piacerebbe vivere a Milano. La cosa che mi manca più di tutte – conclude – è avere qualcuno che quando piango, mi abbracci».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]