Villa del Casale, migranti a scuola di cucina «Mi sento di far parte della terra che mi ospita»

La cultura e la cucina dell’antica Roma come veicolo d’integrazione. Sono gli ingredienti alla base di un progetto che coinvolge quindici giovani migranti ospiti dello Sprar di Piazza Armerina che seguiranno laboratori teorici e pratici alla Villa del Casale, sito patrimonio Unesco. 

La direttrice della Villa, Rosa Oliva spiega come il progetto Extra Moenia-Villa senza confini abbia due fasi. Un primo step, che si è svolto a Milano in concomitanza con Expo, «destinato a giovani con disabilità psicofisica che hanno realizzato un ricettario, basandosi sulla scene dei mosaici della Villa Romana legati al cibo». Il secondo step si svolge in Sicilia e sarà organizzato dal museo regionale della Villa Romana del Casale, e coinvolgerà quindici ospiti dello Sprar di Piazza Armerina provenienti da Afganistan, Libia, Pakistan, Gambia, Senegal, Nigeria e Mali. Nella prima fase iniziale formativa, già conclusasi, i giovani sono stati guidati da agricoltori e studiosi locali per acquisire le conoscenze enogastronomiche e agricole di età romana. «Nella fase successiva – spiega la direttrice – saranno seguiti da uno chef locale e realizzeranno un menù fisso a tema banchetto romano, utilizzando solo materie prime provenienti dal settore biologico».

Un progetto interculturale orientato a favorire l’integrazione dei richiedenti asilo sul territorio siciliano e che, come sottolinea il responsabile esecutivo del progetto Flavio Mela, intende «promuovere un legame antico e profondo dei migranti con la Villa Romana, crocevia in epoche remote di scambi commerciali e culturali come testimonia l’emblematico mosaico della figura femminile nella Grande Caccia, personificazione, secondo alcuni studiosi, dell’Africa per la presenza della fenice originaria dell’Etiopia, mentre per altri dell’Asia per l’esistenza di una tigre e di un elefante».

Sorride Camara, uno dei giovani migranti, mentre racconta ai presenti la sua esperienza all’interno del progetto. Originario del Mali, esordisce in perfetto inglese. «È un progetto molto importante perché abbiamo conosciuto i metodi utilizzati degli antichi romani e come si relazionavano con il cibo tanti anni fa, prima che arrivasse la tecnologia. Studiando le immagini iconografiche della Villa, relative ai cibi in epoca romana, abbiamo avuto modo di confrontare le nostre tradizioni culinarie. Penso che stare a tavola è un momento di pace e crea unione tra i popoli». Tra l’imbarazzato e il lusingato, il libico Safa confessa: «L’esperienza che abbiamo appena iniziato è molto interessante perché ci ha permesso di legare tra di noi. In queste settimane, abbiamo appreso informazioni sulla Villa e sul modo di seminare e macinare il grano. La fase successiva prevederà di cucinare i cibi degli antichi abitanti della Villa. L’idea mi emoziona perché cucinando mi sento di fare anche parte di questa terra che mi ospita».

«The first time – comincia così Basmasar, giovane libico – che abbiamo visitato la Villa Romana del Casale sono rimasto affascinato dai mosaici che raccontavano la storia di uomini e donne vissuti molti anni fa. Con Silvia, un’imprenditrice agricola locale, abbiamo imparato alcune tecniche agricole dei secoli antichi in Sicilia. Mi piacciono molto i siciliani – conclude -. Qui sto bene». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]