Mercoledì il ministro dell’Interno Piantedosi risponderà sul video della giudice. Salvini resta in silenzio

Il proprio sostegno social a Israele e la condivisione su Facebook di una dichiarazione di Luciano Violante sull’imparzialità dei magistrati. Matteo Salvini continua con la strategia del silenzio sul caso del video, postato giovedì mattina, in cui si vede la giudice Iolanda Apostolico in una manifestazione al porto di Catania. Un filmato risalente all’agosto 2018 che ha sollevato più di un dubbio sulla provenienza, aprendo alla possibilità che l’autore possa essere qualche appartenente alle forze dell’ordine. Impegnate quel giorno – polizia e carabinieri insieme – a presidiare il molo di Levante per la presenza della nave Diciotti con quasi 200 migranti a bordo. Mercoledì prossimo il titolare del Viminale, Matteo Piantedosi, sarà al question-time in commissione Affari costituzionali della Camera per rispondere alle interrogazioni dei deputati. Il primo a muoversi, sempre giovedì, è stato il pentastellato Luciano Cantone. Poi seguito a ruota da altri politici tra cui i parlamentari Angelo Bonelli e Filiberto Zaratti, che hanno presentato un esposto alla procura di Roma.  

Nel tardo pomeriggio di ieri sulla vicenda è intervenuta la questura di Catania attraverso una nota. Poche righe che di fatto non sono servite a chiarire i contorni della vicenda. Il video, sostengono dalla polizia, non è negli archivi ufficiali dell’evento senza però smentire in maniera esplicita che il filmato non provenga dalle forze dell’ordine. Posizione che lascia tanti punti interrogativi. Anche perché quel giorno era assolutamente vietato muoversi liberamente a giornalisti e cittadini. I primi potevano stare o in mezzo ai manifestanti o nella parte alta della banchina. In mezzo c’era un cordone di forze dell’ordine, lo stesso in cui era presente la mano misteriosa che quel giorno inquadrava la giudice del tribunale di Catania.

Un particolare che ridimensiona dichiarazioni come quelle della deputata della Lega Simonetta Matone: «Mi domando se il comportamento da stigmatizzare sia quello del magistrato che va in piazza a protestare contro le forze dell’ordine, o quello garantito del tanto invocato diritto di cronaca di documentare un evento pubblico realmente accaduto. Forse doveva rimanere nascosto? Evidentemente chi adombra il dossieraggio non sa di cosa parla. Oppure è un vero esperto della materia». Sulla stessa linea Sara Kelany, deputata e responsabile Immigrazione di Fratelli d’Italia: «Le manifestazioni, per loro natura, sono cose pubbliche, che vengono sempre riprese anche amatorialmente».

A chiedere chiarimenti, parlando con i giornalisti a Foggia, è anche l’ex presidente del Consiglio e leader Cinque stelle Giuseppe Conte. «La Digos fa sempre dei filmati quando ci sono delle manifestazioni, ma come poi arrivano questi filmati a un ministro delle infrastrutture che non c’entra nulla? Salvini chiarisca come e perché ha avuto quei filmati. Quei filmati sono stati realizzati dalla Digos e sono nella disponibilità delle forze di polizia per altri compiti, non per attaccare i magistrati».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il proprio sostegno social a Israele e la condivisione su Facebook di una dichiarazione di Luciano Violante sull’imparzialità dei magistrati. Matteo Salvini continua con la strategia del silenzio sul caso del video, postato giovedì mattina, in cui si vede la giudice Iolanda Apostolico in una manifestazione al porto di Catania. Un filmato risalente all’agosto 2018 […]

Il proprio sostegno social a Israele e la condivisione su Facebook di una dichiarazione di Luciano Violante sull’imparzialità dei magistrati. Matteo Salvini continua con la strategia del silenzio sul caso del video, postato giovedì mattina, in cui si vede la giudice Iolanda Apostolico in una manifestazione al porto di Catania. Un filmato risalente all’agosto 2018 […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]