Verso la riapertura la casa dello Scirocco di Carlentini La storia del sito da luogo del peccato ad agriturismo

Un sito che presto diventerà un agriturismo, gestito da una coppia di lentinesi, ma che nasconde una storia ancora da scoprire. Questo è la casa dello Scirocco di Calentini che a breve verrà inaugurata, dopo anni di abbandono, dai nuovi gestori, Giuseppe Motta e Stefania Natalia Brancato.

Fondata nel 1707 dal barone Fuccio Corbino, da molti è conosciuta come una costruzione di epoca romana. In realtà però, secondo diversi studiosi, le cose stanno diversamente. «Non ho mai visto elementi romani in quel sito – spiega a MeridioNews l’archeologo Francesco Valenti – né d’altra parte esistono pubblicazioni scientifiche in merito». Nemmeno Giorgio Franco, esperto del patrimonio culturale e presidente dell’associazione Italia nostra Lentini, sa dire nulla a riguardo. «Oggi non è facile distinguere ciò che è stato manomesso da quel che è stato tutelato», commenta. 

La dimora nacque, ricorda Franco, «come residenza estiva seppure con destinazione d’uso di garconiére e, probabilmente per questo utilizzo, ritenuta casa del peccato; poi, nella prima metà dell’ottocento, venne abbandonata e interrata». Che la zona sia ricca di storia però è certo. «La terrazza soprastante la casa nascondeva una necropoli greca del IV secolo a.C che tra il 1974 e il 1979 venne devastata da diversi scavi clandestini», aggiunge Valenti, sottolineando che dei ritrovamenti non si sa molto, «anche se non è da escludere che il mercato clandestino di opere d’arte abbia attinto a piene mani». Tesi avallata anche dal fatto che il fondo è stato sottoposto a vincolo archeologico soltanto nel 1987. L’anno successivo, il sito diventa ufficialmente casa dello Scirocco per volere della baronessa Maria La Rocca di San Silvestro, che quando la riportò alla luce volle chiamarla così per la caratteristica poco comune di conservare un’aria fresca anche in presenza del vento di scirocco. 

La struttura si trova in contrada Piscitello, in territorio di Carlentini nord ma a ridosso di Lentini: un’area che per Giorgio Franco «è da intendersi come una delle necropoli più vaste e importanti della Sicilia. «L’insediamento di Caracausi, che ha affaccio sul fondo dello Scirocco – prosegue l’esperto- ebbe breve durata, meno di un secolo di vita: l’abbandono dell’insediamento è da collocare entro la metà del III sec. a.C., forse anche per via dell’occupazione di Pirro del 278 a.C. e, quindi, della ripresa dell’egemonia siracusana». Ad oggi sono rimaste poche testimonianze di quell’epoca. «Purtroppo la speculazione edilizia e la mancata lungimiranza delle politiche culturali degli anni Ottanta non hanno permesso il mantenimento di un’area archeologica che oggi poteva essere, non solo più vasta, ma anche di estremo interesse turistico». 

A pochi metri dalla Casa dello scirocco c’è il luogo in cui, proprio negli anni Ottanta, venne scoperto un tesoretto di monete. «Monete d’argento databili alla fine del IV secolo – spiega Valenti – Furono ritrovate durante alcuni lavori di escavazione per realizzare una strada. Purtroppo però la Soprintendenza non intervenne in tempo e il tesoretto di Lentini è stato venduto in vari lotti all’asta anche in Inghilterra e Svizzera». Un’altra teoria molto accreditata è la probabile collocazione, nello stesso sito del rinvenimento, della zecca di Lentini. «Una delle poche esercenti del Mediterraneo tra il V ed il IV sec. a.C. – aggiunge Giorgio Franco -. Alcune delle monete recuperate sono esposte presso il medagliere del Museo Regionale Paolo Orsi di Siracusa e anche in altri siti europei. La speranza è che in futuro parte di quei resti siano assegnate alle collezioni al Museo Archeologico Regionale di Lentini».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]