Vanessa, l’omicida aveva assunto cocaina Il padre: «Non un uomo, meno di un verme»

I genitori di Vanessa Scialfa, 20 anni, continuavano a chiamarla al telefono, ma lei non rispondeva. Allora Francesco Lo Presti, il suo convivente trentaquattrenne, li ha avvisati: in un primo momento ha detto loro che Vanessa era uscita per un colloquio di lavoro, poi che aveva ricevuto una telefonata dal suo ex fidanzato, si era arrabbiata e aveva spento il cellulare, infine che lui e Vanessa avevano litigato e che lei si era allontanata dopo la discussione. Martedì pomeriggio ancora non si sapeva che lui, sotto l’effetto di cocaina, Vanessa l’aveva uccisa. Che aveva avvolto il suo corpo in un lenzuolo grigio, rannicchiato per fargli occupare meno spazio, l’aveva caricato nel bagagliaio della sua auto ed era andato fuori città, sulla statale 122 che collega Enna con Caltanissetta, vicino alla miniera di Pasquasia. Lì ha gettato il cadavere della sua fidanzata sotto un guard rail, poi è tornato a casa.

La sera del 24 aprile, i genitori di Vanessa avevano capito che qualcosa non andava. Francesco Lo Presti, adesso detenuto nel carcere ennese, non li aveva convinti, si contraddiceva troppo spesso. «Ero sicuro che lui sapesse qualcosa – afferma Giovanni Scialfa, il padre della giovane – ma non avrei mai immaginato che l’avesse ammazzata». «Che l’avesse rapita, legata da qualche parte per non farla scappare via da lui, ma ammazzarla no, ammazzarla era troppo, non ci sarei mai arrivato», dice. Cerca di farsi forza, ma non ci vuole ancora credere, non vuole pensare che mentre lui raccontava le sue bugie, «lei già non c’era più, e io ancora speravo».

L’autopsia è stata disposta per oggi pomeriggio, «ma quasi certamente Vanessa è stata strangolata con il cavo della televisione, dopo che lui aveva già tentato di soffocarla con un fazzoletto». Giovanni Cuciti, dirigente della squadra mobile della polizia di Enna, ha un quadro piuttosto chiaro della dinamica dell’accaduto. «Dopo aver abbandonato il corpo della ragazza, Lo Presti ha fatto pulizia nella sua abitazione, ha tolto tutti gli elementi che potessero legarlo all’omicidio – dichiara – Poi li ha buttati nel cassonetto della spazzatura sotto casa». Allora comincia a fingersi preoccupato, a fare le ricerche, lucido. Il 25 aprile viene sentito dai carabinieri, interrogato per ore, ma continua a raccontare la sua versione dei fatti: un litigio, lui non lavorava e lei voleva lo facesse, in più la gelosia, poi Vanessa era uscita di casa e da quel momento in poi il silenzio. L’indomani, il 26 aprile, Francesco Lo Presti viene trovato dalla polizia in stato confusionale. «Voleva suicidarsi, diceva di voler andare a Catania, in un posto dove aveva incontrato una volta Vanessa, e ha cominciato a fare parziali ammissioni», racconta Cuciti. A quel punto gli agenti lo rassicurano: «Non preoccuparti, Vanessa è tornata a casa», gli dicono. E Lo Presti crolla: «Non può tornare, ho fatto una fesseria», confessa. Il movente del suo gesto sarebbe passionale: sembra che lei abbia sbagliato il suo nome in un momento di intimità. Pare che l’abbia chiamato Alessandro, come il suo ex fidanzato.

Dopo un’ora di ricerche nel posto confusamente indicato dall’assassino, il ritrovamento del corpo, aveva addosso gli abiti coi quali la cercavano: pantaloni sportivi neri e una maglietta gialla.

«Vivevano insieme da tre mesi, litigavano spesso, lui non mi piaceva», ricorda il padre. Vanessa per lui aveva lasciato il suo ex fidanzato, dopo tre anni, e sempre per lui aveva litigato con tutta la famiglia: «Non volevo che andasse via, ma era maggiorenne, poteva scegliere e io non potevo fermarla». «Domenica sera avevamo cenato insieme, lei era con me». E martedì non c’era più. Per Giovanni Scialfa, Francesco Lo Presti «non è un uomo, è al di sotto di un verme». Tra le lacrime, il genitore della ragazza non si dà pace: «Non sono riuscito a proteggerla, dovevo salvarla e non ce l’ho fatta», dice.


Dalla stessa categoria

I più letti

Francesco Lo Presti, 34 anni, era sotto l'effetto di sostanze stupefacenti quando ha ucciso Vanessa Scialfa, la sua convivente di vent'anni. Anche se l'autopsia non l'ha ancora confermato, sembra che l'abbia strangolata con il cavo del televisore di casa. Il cadavere della ragazza è stato ritrovato ieri sulla statale che da Enna porta a Caltanissetta, grazie alla confessione dell'assassino. Lui, due giorni dopo il delitto, alla polizia ha detto di volersi suicidare

Francesco Lo Presti, 34 anni, era sotto l'effetto di sostanze stupefacenti quando ha ucciso Vanessa Scialfa, la sua convivente di vent'anni. Anche se l'autopsia non l'ha ancora confermato, sembra che l'abbia strangolata con il cavo del televisore di casa. Il cadavere della ragazza è stato ritrovato ieri sulla statale che da Enna porta a Caltanissetta, grazie alla confessione dell'assassino. Lui, due giorni dopo il delitto, alla polizia ha detto di volersi suicidare

Francesco Lo Presti, 34 anni, era sotto l'effetto di sostanze stupefacenti quando ha ucciso Vanessa Scialfa, la sua convivente di vent'anni. Anche se l'autopsia non l'ha ancora confermato, sembra che l'abbia strangolata con il cavo del televisore di casa. Il cadavere della ragazza è stato ritrovato ieri sulla statale che da Enna porta a Caltanissetta, grazie alla confessione dell'assassino. Lui, due giorni dopo il delitto, alla polizia ha detto di volersi suicidare

Francesco Lo Presti, 34 anni, era sotto l'effetto di sostanze stupefacenti quando ha ucciso Vanessa Scialfa, la sua convivente di vent'anni. Anche se l'autopsia non l'ha ancora confermato, sembra che l'abbia strangolata con il cavo del televisore di casa. Il cadavere della ragazza è stato ritrovato ieri sulla statale che da Enna porta a Caltanissetta, grazie alla confessione dell'assassino. Lui, due giorni dopo il delitto, alla polizia ha detto di volersi suicidare

Se c’è una cosa che non si può comprare, è il tempo. Lo sanno bene gli imprenditori, spesso alle prese con la burocrazia e la risoluzione dei problemi, che lasciano poco spazio allo sviluppo delle proprie attività. Una di queste preoccupazioni, però, ha una soluzione facile: si tratta della flotta auto aziendali, gestibile risparmiando tempo […]

«In natura non esistono i rifiuti, ogni elemento si inserisce nel ciclo del biosistema, mantiene il valore il più a lungo possibile e si trasforma in nuova risorsa, innescando un circolo virtuoso». Ancora possibile anche in una società del consumo, andando Al cuore delle cose. Prende spunto – e pure il nome – da questo […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]