Università e caro affitti, +4% per un posto letto Ma Palermo è la città più economica d’Italia 

Studiare sta diventando sempre più un lusso, specie se ci si deve trasferire in un’altra città per affrontare un percorso universitario, ma Palermo è in controtendenza. Questo almeno è quello che si evince dalle stime di Solo Affitti, che ha riscontrato un aumento complessivo del quattro per cento del costo dei posti letto per studenti universitari su scala nazionale. Se infatti trasferirsi in città come Milano, la più cara, dove si arriva a pagare fino a 500 euro per una stanza singola, con una media di 243 euro a posto letto, richiede uno sforzo economico non indifferente, nel capoluogo siciliano, eletto sul fronte affitti città meno cara d’Italia, non è difficile trovare un posto in cui vivere a costi contenuti.

Sempre secondo Solo Affitti, la media del costo dei posti letto per gli universitari dell’ateneo palermitano si aggira attorno ai 143 euro. Stime che non tengono comunque conto del forte abusivismo che ancora impera nei quartieri più popolati dagli universitari che lima giocoforza le cifre verso il basso. Complice di questo livellamento dei costi degli affitti, che già da diversi anni sono stabili su questi numeri, il cambiamento delle abitudini degli studenti e l’eccesso di domanda provocata dallo spopolamento delle zone più ambite dagli universitari, ma meno dalle famiglie locali, che stanno lasciando sempre più campo ai “nuovi” palermitani, gli stranieri.

«Una volta – Spiega Giovanni, ormai ex studente che accompagna il cugino, matricola, alla ricerca di un alloggio – si veniva a Palermo appena dopo il diploma e si passavano lunghe e calde giornate d’estate a strappare “pizzini” da bacheche, lampioni, cabine telefoniche e a fissare appuntamenti per visitare delle case. Adesso, con l’iscrizione a numero chiuso estesa a tutte le facoltà dell’ateneo, a settembre non si conosce ancora se e dove si finirà a studiare. Così ci si riversa tutti insieme per le strade alla ricerca. Fortunatamente l’offerta è molta, non è come ai miei tempi, anche se non sono passati tutti questi anni». Ed effettivamente il numero chiuso è stato un grande modificatore del mercato degli affitti, basti pensare che nel solo 2015 oltre 21mila ragazzi hanno inoltrato la domanda di iscrizione presso l’università di Palermo, ma se si pensa che una cospicua parte di essi è stata scremata dai test, il numero di ragazzi alla ricerca di una stanza, al netto di chi già vive a Palermo con la propria famiglia, di chi preferisce viaggiare ogni giorno per frequentare le lezioni e di chi è vincitore di un posto letto in studentato, non è poi così alto.

Mario ha affisso il suo cartello “Affittasi” su Corso Tukory da qualche settimana. «Qualche anno fa – dice – quando cercavo un inquilino, già dopo poche ore dalla comparsa del cartello il telefono iniziava a squillare. Adesso non solo sono pochi quelli che chiamano, ma hanno anche standard molto alti, pretendono lavatrice e condizionatore e penso che mi dovrò adeguare se non voglio che mi rimanga la stanza vuota». Già, perché con l’aumentare dell’offerta, a fronte di una domanda non esattamente in ascesa, la scelta è più ampia e le richieste da parte dei potenziali affittuari salgono. «Ricordo – continua Giovanni – che quando siamo venuti a studiare a Palermo diversi nostri amici abitavano in case indecenti. Soffrivano le infiltrazioni e il freddo d’inverno, il caldo d’estate. Pagavano meno di me, ma abitavano in veri tuguri. Adesso c’è qualcuno che ancora tenta di spacciarli per camere confortevoli, ma con questi prezzi e questa scelta, penso gli rimarranno sfitte». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]