Unict e quel posto da ricercatore illegittimo Il Tar sconfessa i membri della commissione

Il risultato del concorso per un posto di ricercatore in Storia contemporanea all’ex facoltà di Lingue di Ragusa vinto da Melania Nucifora è illegittimo. A due anni di distanza dalla denuncia del secondo classificato, Gianbattista Scirè, il Tar ha dato ragione al ricorrente: la vincitrice non aveva i titoli per ottenere quel contratto a tempo determinato. Una sentenza storica che sconfessa l’operato della commissione giudicatrice, formata dai professori Simone Neri Serneri, dell’Università di Siena, Luigi Masella, dell’ateneo di Bari, e Alessandra Staderini, dell’Università di Firenze, scelti dall’ex rettore Antonino Recca. Il caso sollevato da Scirè è diventato di portata nazionale, arrivando anche in Parlamento con l’interrogazione parlamentare del deputato del Pd Corsini all’allora ministro dell’Istruzione Francesco Profumo. Adesso la sezione di Catania del Tar dichiara «illegittima l’attribuzione del punteggio assegnato alla candidata Nucifora, così come «illegittima la sua individuazione come miglior candidato della selezione». Viene accolto dunque il ricorso e annullati i provvedimenti della commissione. Scirè potrà essere reintegrato e subentrare nel ruolo di ricercatore, visto che la durata del contratto era di cinque anni totali, a partire dal 2012. Ma c’è di più, il Tar invierà la sentenza alla Corte dei conti regionale, per verificare se esistono responsabilità personali nel danno erariale che l’Università di Catania e Scirè stesso hanno subito.

«Il tribunale amministrativo mi dà ragione in toto, hanno accolto tutti gli elementi che avevamo evidenziato – commenta Scirè – Al di là del mio caso personale, è una sentenza dettagliata e storica perché il Tar toglie ogni potere decisionale alla commissione. Spero che il nuovo rettore voglia dare un segnale forte applicando la sentenza. Da questa vicenda ho subito conseguenze negative nella mia vita personale, nonché ritorsioni che mi hanno impedito di prendere l’abilitazione».

Nella sentenza, il Tar ripercorre tutta la vicenda. Mette a confronto il curriculum del ricorrente, Scirè, (laureato in storia, in possesso di un dottorato di ricerca in studi storici per l’età moderna e contemporanea e con un curriculum incentrato sugli studi storici) e della controinteressata risultata vincitrice, Nucifora, (laureata in architettura e con un curriculum incentrato su studi di architettura, urbanistica e storia del territorio). Quindi definisce «palesemente illogiche alcune affermazioni e conclusioni espresse dalla commissione giudicatrice sulla congruenza con il settore scientifico-disciplinare per il quale è stato bandito il concorso». In particolare «la commissione, operando una lettura eccessivamente inclusiva del settore scientifico disciplinare in questione e richiamando studi di storiografia italiana internazionale, ritiene che anche la storia delle trasformazioni ambientali e territoriali (su cui la Nucifora è specializzata ndr) sia riconducibile alla storia contemporanea». Queste conclusioni sono errate perché «il decreto ministeriale dell’ottobre 2010 inserisce la storia dell’architettura (Icar 18) nell’ambito dell’area ingegneria civile-architettura».

Di conseguenza a 14 titoli della vincitrice del concorso «è stato illegittimamente assegnato un punteggio. In particolare – continuano i giudici – l’attribuzione di ben sei punti al contratto di docenza per l’insegnamento di Storia dell’architettura costituisce un’evidente ed eccessiva forzatura del parametro della congruità, che non trova alcun supporto giuridico nella normativa di riferimento e nei criteri previsti dal bando di concorso e manifesta l’evidente travisamento dei fatti».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il Tribunale amministrativo regionale ha deciso: Gianbattista Scirè, il giovane studioso che nel 2012 si vide scavalcato nella graduatoria, avrà il posto di ricercatore in Storia contemporanea all'ex facoltà di Lingue di Ragusa. La commissione giudicatrice aveva originariamente assegnato il posto a Melania Nucifora, laureata in architettura, a differenza del ricorrente, che è specializzato in storia moderna e contemporanea

Il Tribunale amministrativo regionale ha deciso: Gianbattista Scirè, il giovane studioso che nel 2012 si vide scavalcato nella graduatoria, avrà il posto di ricercatore in Storia contemporanea all'ex facoltà di Lingue di Ragusa. La commissione giudicatrice aveva originariamente assegnato il posto a Melania Nucifora, laureata in architettura, a differenza del ricorrente, che è specializzato in storia moderna e contemporanea

Il Tribunale amministrativo regionale ha deciso: Gianbattista Scirè, il giovane studioso che nel 2012 si vide scavalcato nella graduatoria, avrà il posto di ricercatore in Storia contemporanea all'ex facoltà di Lingue di Ragusa. La commissione giudicatrice aveva originariamente assegnato il posto a Melania Nucifora, laureata in architettura, a differenza del ricorrente, che è specializzato in storia moderna e contemporanea

Il Tribunale amministrativo regionale ha deciso: Gianbattista Scirè, il giovane studioso che nel 2012 si vide scavalcato nella graduatoria, avrà il posto di ricercatore in Storia contemporanea all'ex facoltà di Lingue di Ragusa. La commissione giudicatrice aveva originariamente assegnato il posto a Melania Nucifora, laureata in architettura, a differenza del ricorrente, che è specializzato in storia moderna e contemporanea

Il Tribunale amministrativo regionale ha deciso: Gianbattista Scirè, il giovane studioso che nel 2012 si vide scavalcato nella graduatoria, avrà il posto di ricercatore in Storia contemporanea all'ex facoltà di Lingue di Ragusa. La commissione giudicatrice aveva originariamente assegnato il posto a Melania Nucifora, laureata in architettura, a differenza del ricorrente, che è specializzato in storia moderna e contemporanea

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]