Unict, concorso sospetto a Lingue Il Tar accoglie il ricorso di un ricercatore

All’Università di Catania c’è un concorso per un posto da ricercatore in Storia Contemporanea che sta facendo molto discutere. Si tratta di un contratto per attività di didattica e di ricerca alla facoltà di Lingue e letterature straniere di Ragusa, della durata di tre anni prorogabile per altri due. Una rarità vista l’aria claustrofobica che si respira nelle università italiane. Tra i numerosi candidati, provenienti da atenei non solo siciliani, ha vinto Melania Nucifora, ricercatrice con laurea in Architettura, che dal 2005 collabora con il dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università di Catania. Il risultato, però, è stato impugnato davanti al Tar dal secondo classificato, Giambattista Scirè, ricercatore all’università di Firenze.

«Contestiamo la congruità dei titoli della vincitrice rispetto al settore disciplinare oggetto del bando» spiega l’avvocato Fabrizio Traina, che insieme a Giovanna Scalambrieri difende Scirè. Poche settimane fa il Tribunale amministrativo di Catania ha accolto il ricorso e ha chiesto alla commissione di riesaminare i titoli di studio «riferendoli alle puntuali prescrizioni contenute nell’art. 11/A3: Storia Contemporanea, del decreto ministeriale 29.7.2011 336».

Il Tar in pratica rimanda alle indicazioni del Ministero che determinano le differenze tra i vari settori concorsuali: se il bando di concorso si riferisce al settore di Storia Contemporanea è possibile che una ricercatrice con laurea in Architettura superi chi possiede un dottorato in Studi Storici sull’Età moderna e contemporanea? Il Tar, con ordinanza del 22 marzo, dispone un periodo di venti giorni entro il quale la commissione giudicatrice dovrà esprimere un nuovo parere.

La commissione è composta dai professori Simone Neri Serneri, dell’Università di Siena, Luigi Masella, dell’ateneo di Bari, e Alessandra Staderini, dell’Università di Firenze, scelti dal rettore Antonino Recca. I tre docenti, basandosi sulla valutazione dei titoli (punteggio massimo 30 punti) e delle pubblicazioni (massimo 70 punti) dei candidati, hanno selezionato in un primo momento sei candidati che hanno sostenuto una «discussione pubblica con la commissione».

Alla fine Nucifora ha ottenuto 89.3 punti, contro gli 86.45 di Scirè. A fare la differenza proprio il punteggio assegnato ai titoli dei due candidati: la commissione ha assegnato 26.3 punti alla vincitrice, 16.45 al secondo classificato. Tra i criteri di selezione predeterminati dal bando, il dottorato di ricerca costituiva titolo non indispensabile ma «preferenziale», a cui venivano assegnati tuttavia al massimo quattro punti.

La professoressa Nucifora negli ultimi anni ha insegnato al Master in Storia e analisi del territorio, coordinato dall’ex preside della facoltà di Lettere Enrico Iachello, appena eletto nel nuovo Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo catanese. Il 15 marzo la docente ha regolarmente iniziato le lezioni del corso di Storia contemporanea alla facoltà di Lingue di Ragusa. Ma, in attesa del nuovo parere della commissione giudicatrice, nella comunità accademica, tra docenti e ricercatori è forte il malumore.  «Avremmo molte cose da dire – precisa l’avvocato Traina – ma preferiamo aspettare il responso che dovrebbe arrivare entro mercoledì della prossima settimana. Certo, apparirebbe strana una riconferma dell’esito della procedura perché non sarebbe conforme al parere del Tar».

 

[Foto di Al_fred]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Un contratto di tre anni per attività di didattica e ricerca in Storia Contemporanea alla facoltà di Lingue e letterature straniere di Ragusa. A vincere il bando dell'ateneo catanese è stata Melania Nucifora, ricercatrice con in tasca una laurea in Architettura. Il secondo classificato, Giambattista Scirè, ha fatto ricorso. «Contestiamo la congruità dei titoli della vincitrice rispetto al settore disciplinare oggetto del bando» denuncia il legale del ricercatore sconfitto. Il Tar ha dato ragione a Scirè e la commissione giudicatrice sarà costretta a pronunciarsi nuovamente

Un contratto di tre anni per attività di didattica e ricerca in Storia Contemporanea alla facoltà di Lingue e letterature straniere di Ragusa. A vincere il bando dell'ateneo catanese è stata Melania Nucifora, ricercatrice con in tasca una laurea in Architettura. Il secondo classificato, Giambattista Scirè, ha fatto ricorso. «Contestiamo la congruità dei titoli della vincitrice rispetto al settore disciplinare oggetto del bando» denuncia il legale del ricercatore sconfitto. Il Tar ha dato ragione a Scirè e la commissione giudicatrice sarà costretta a pronunciarsi nuovamente

Un contratto di tre anni per attività di didattica e ricerca in Storia Contemporanea alla facoltà di Lingue e letterature straniere di Ragusa. A vincere il bando dell'ateneo catanese è stata Melania Nucifora, ricercatrice con in tasca una laurea in Architettura. Il secondo classificato, Giambattista Scirè, ha fatto ricorso. «Contestiamo la congruità dei titoli della vincitrice rispetto al settore disciplinare oggetto del bando» denuncia il legale del ricercatore sconfitto. Il Tar ha dato ragione a Scirè e la commissione giudicatrice sarà costretta a pronunciarsi nuovamente

Un contratto di tre anni per attività di didattica e ricerca in Storia Contemporanea alla facoltà di Lingue e letterature straniere di Ragusa. A vincere il bando dell'ateneo catanese è stata Melania Nucifora, ricercatrice con in tasca una laurea in Architettura. Il secondo classificato, Giambattista Scirè, ha fatto ricorso. «Contestiamo la congruità dei titoli della vincitrice rispetto al settore disciplinare oggetto del bando» denuncia il legale del ricercatore sconfitto. Il Tar ha dato ragione a Scirè e la commissione giudicatrice sarà costretta a pronunciarsi nuovamente

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]