Un’associazione palermitana per fermare i suicidi «Casi in aumento, ci si pensa già da adolescenti»

Stamattina a Palermo un’altra ragazza ha deciso di togliersi la vita. I casi di suicidio nel capoluogo sono in aumento, un triste trend che segue quello nazionale e a cui cerca di porre rimedio il telefono giallo, un numero dedicato proprio alla prevenzione. «I casi sono tanti – spiega la psicologa e psicoterapeuta Viviana Cutaia, coordinatrice del Telefono giallo per la prevenzione dei suicidi – Tra i fatti di cronaca e le chiamate che riceviamo abbiamo registrato un incremento dei fattori di rischio come la depressione, il bullismo, disturbi della personalità in soggetti fragili e vulnerabili». 

Il telefono giallo per la prevenzione al suicidio (Numero Verde Nazionale 800011110) è stato fortemente voluto dall’associazione Afipres Marco Saura – Associazione Famiglie Italiane per la Prevenzione del Suicidio – che in collaborazione con l’Asp decide di attivare questo numero verde che risponde 24 ore su 24. Afipres Marco Saura nasce vent’anni fa a Palermo, adesso ha rilevanza nazionale, grazie alla volontà dei genitori di Marco, violinista morto suicida a 23 anni. Dai dati raccolti dall’associazione in questi anni c’è un incremento di suicidi del 30 per cento e l’età d’esordio (in cui si cominciano a manifestare i sintomi che portano al gesto estremo) si è fortemente abbassata: «Mentre quando abbiamo cominciato vent’anni fa l’età d’esordio era sui 30-35 anni adesso chiamano moltissimi adolescenti in cerca d’aiuto» continua la psicologa. 

È un fenomeno complesso e multifattoriale che abbraccia diverse fasce d’età dai più piccole fino agli anziani. In tutto il mondo ogni anno sono circa un milione le vittime di suicidio, entro il 2020 potrebbero salire a un milione e mezzo. «La crisi economica, la mancanza di lavoro, l’incapacità di accettare una separazione, vuoto e disagio esistenziale, ma forse più di tutto è la solitudine che porta al suicidio, – risponde così la Cutaia alla domanda quali sono i fattori che portano al suicidio – quando i soggetti tracimano in sensibilità, vulnerabilità e fragilità sono lasciati ancora di più da soli e si trovano ad affrontare la drammaticità esistenziale fino ad arrivare a pensare che non ci sia più nulla per cui valga la pena di vivere».

Al meridione aumenta la drammaticità, «Spesso si pensa che non ci sono più speranze e non ci sia nulla per cui valga la pena vivere, – continua – ci sono molti esodi, non c’è lavoro ma quello che più ci tocca è che la nostra terra non riesce a decollare pur avendo tante opportunità». Non c’è un unico fattore di rischio, vent’anni fa era solo la depressione, adesso c’è un totale stravolgimento, ci sono le doppie diagnosi, le multidiagnosi, ci sono i raptus che non sono premeditati quindi imprevedibili. 

«La società sta diventando sempre più liquida, mancano gli argini contenitivi e c’è una perdita di valori educatoriali e il rispetto dell’altro e dei ruoli nella società, c’è troppa confusione. – aggiunge Cutaia – La popolazione sta cambiando velocemente e non abbiamo la possibilità di osservare e capire bene per poi intervenire perché è tutto troppo mutevole, bisogna sì prevenire ma aumentando i fattori protettivi, stiamo rivalutando tutte le strategie messe in campo fino ad ora, adesso punteremo sull’empowerment sociale e sul concetto di resilienza, per formare una popolazione che possa e sappia superare gli eventi difficili». 

Dai dati forniti dal centro di documentazione dell’associazione risulta che negli ultimi anni c’è un cospicuo aumento dei suicidi in Sicilia: nel 2016 le segnalazioni ospedaliere sono state 141, i casi arrivati tramite il numero giallo 525 e le prese in carico territoriali 125. Nel 2017 le segnalazioni ospedaliere 200, i casi arrivati dal telefono giallo 550 e le prese in carico territoriali 130. Nel 2018 sono già arrivate 300 telefonate, ci sono state 50 segnalazioni ospedaliere e 40 prese in carico territoriali. «Sono dati drammaticamente in crescita» commenta la coordinatrice del telefono giallo.

«Gli adolescenti non hanno più il senso del futuro, – spiega Livia Nuccio, presidente dell’associazione nonché mamma di Marco Saura – diventano adulti troppo in fretta, c’è molta amarezza in loro, sono demotivati dalla mancanza di lavoro, mancanza di entusiasmo, valori, ideali, serenità e amore autentico. Fino a 40 anni non hanno un’autonomia lavorativa. L’approccio al suicidio è difficile e problematico perché ha troppe sfaccettature oggi. La politica non aiuta, si fa molto si teorizza moltissimo ma quando si deve tradurre in azioni concrete tutto va a rilento, mentre la società va veloce e non aspetta nessuno».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Un fenomeno che cresce così come le cause scatenanti come la depressione, il bullismo, disturbi della personalità in soggetti fragili e vulnerabili. Un numero di telefono tenta di fare fronte a questa emergenza. È nato dall'impulso di Afipress Marco Saura, che partita da Palermo ha ormai raggiunto proporzioni nazionali

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]