Ue boccia il porto etneo, a rischio milioni di euro Autorità: «Criteri ok, Bruxelles rivaluti decisione»

Per la Commissione europea il porto di Catania non rientra nei parametri previsti per l’accesso alla rete internazionale Ten-T. Per questo motivo i milioni di euro previsti dal progetto per migliorare le strutture interne dello scalo etneo non arriveranno mai nelle casse dell’Autorità portualeLa decisione però è stata impugnata il 28 aprile scorso dal nuovo commissario dell’ente, Nunzio Martello, che ha inviato una nota a Roma e Bruxelles dove chiede di rivalutare i criteri di accesso, a suo dire perfettamente coerenti con le richieste europee.

 «Stiamo lavorando per far sì che l’Europa prenda atto che, per il volume dei suoi traffici, il nostro porto deve rientrare nella rete» spiega a MeridioNews l’ammiraglio Martello. «Secondo la commissione i parametri sono insufficienti, ma oggi stiamo portando avanti un dialogo, ci auguriamo fruttuoso, per dimostrare il contrario». 

Il progetto messo in moto da Bruxelles prevede la costruzione di numerosi «corridoi» che collegano i Paesi grazie a miglioramenti nelle infrastrutture marittime, terrestri e aree. «La rete Ten-T con i suoi corridoi centrali contribuirà in modo sostanziale alla coesione europea e al rafforzamento del mercato interno. Un’economia più competitiva si tradurrà in un aumento dell’occupazione». A spiegarlo è il Directorate for mobility and transport, l’organismo della Commissione europea che si occupa di politiche dei trasporti, e dei relativi fondi, per gli stati membri. 

La decisione dell’Europa è incomprensibile 

Nella richiesta inviata al ministero delle Infrastrutture, l’Autorità portuale definisce «incomprensibile» la decisione delle istituzioni comunitarie. «I dati utilizzati per la valutazione – spiega il commissario Martello – sono ricavati da fonte Istat, riferimento italiano per Eurostat, e fanno registrare un traffico “non-bulk” (merci non sfuse) nel nostro porto, pari a 2.183.000 tonnellate annue e 2.486.000 per l’anno 2013». «Tutti e due i casi sono chiaramente superiori alla soglia di 1.416.000 tonnellate annue indicata dal regolamento europeo quale limite per l’inserimento tra gli scali comprehensive della rete Ten-T». I dati ufficiali, secondo i tecnici catanesi, parlano chiaro: Catania ha diritto a essere considerata snodo nel network del trasporto marittimo europeo. Nel produrre l’istanza di reinserimento nella rete, l’Autorità portuale ha spiegato inoltre di essere in possesso di cifre superiori da quelle rilevate da Istat.

Niente fondi per Catania

Resta da capire dunque come mai Catania sia stata scartata. Negli ultimi anni la policy dell’Unione nei confronti del settore è cambiata e sono praticamente triplicati i finanziamenti nel ramo della mobilità prevedendo 26 miliardi di euro per il periodo 2016-2020. Una pioggia di denaro che arriverà altrove e non colpirà, per adesso, il porto di Catania. Che si dovrà accontentare di un’apertura settimanale alla cittadinanza e della parte di fondi previsti nel cosiddetto «Patto per Catania» siglato da Matteo Renzi


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]