Travolto da statua della Madonna, sindaco chiede i danni Lettera al parroco: «Accordo bonario, se no in tribunale»

Ad Aci Catena le celebrazioni in onore della Madonna si sono chiuse ieri notte. A distanza di poche ore, però, l’attenzione sui festeggiamenti si è riaccesa anche se a tornare in primo piano è l’edizione 2017

La sera di ferragosto di due anni fa, infatti, un incidente coinvolse due persone nel momento più concitato della festa, la trasuta o chianu, quando il fercolo con la statua della Madonna della Catena fa ingresso in piano Umberto. Ad avere la peggio fu Nello Oliveri, da pochi mesi divenuto sindaco per la seconda volta. Il primo cittadino riportò danni alla gamba, dopo essere scivolato davanti al fercolo nel momento dell’accelerazione. Nei giorni scorsi, Oliveri ha presentato una richiesta di risarcimento danni tramite il proprio legale che è stato notificata anche alla parrocchia.

Nella lettera, partita a fine luglio ma recapitata poco prima dell’inizio della festa, si chiederebbe di raggiungere un accordo bonario entro due settimane, per evitare di adire le vie legali. Dal canto suo, il primo cittadino sostiene che la richiesta è rivolta alla compagnia assicurativa che copre le attività parrocchiali. «Insieme al mio avvocato abbiamo intrapreso una vertenza legale nei confronti dell’assicurazione – spiega Oliveri a MeridioNews – Abbiamo optato per questa soluzione a tutela personale, affinché
l’assicurazione riconosca i danni che ho subito. Anche perché – aggiunge – quell’incidente ha lasciato delle
conseguenze sul mio stato di salute
».

Stando alla ricostruzione di Oliveri, l’assicurazione avrebbe già risposto negativamente a una prima richiesta di risarcimento. «Al momento
dell’incidente, il parroco inoltrò la richiesta di risarcimento all’assicurazione
, che ha detto che questo tipo di evento non è coperto dalla polizza. Secondo noi, però, gli estremi ci sono». Oliveri, che in occasione dell’elezione a sindaco volle come prima cosa ringraziare la Madonna e che proprio ieri ha ribadito la propria fede anche sui social, assicura di non essere interessato a creare polemiche con la parrocchia. «Non voglio creare polemiche, perché nei confronti della Chiesa ho massimo rispetto», chiosa il primo cittadino.

Dal canto suo, don Sebastiano Privitera, che nei prossimi mesi lascerà la guida della parrocchia dopo quasi tre decenni, preferisce non rilasciare dichiarazioni, limitandosi ad affermare di considerare «chiusa la vicenda». Oliveri, intanto, è convinto di andare fino in fondo. «Vedremo cosa
risponderà stavolta l’assicurazione. Se non si riuscirà a trovare un
accordo, andremo fino in tribunale e sarà un giudice a decidere se ho torto o ragione».


Dalla stessa categoria

I più letti

Se c’è una cosa che non si può comprare, è il tempo. Lo sanno bene gli imprenditori, spesso alle prese con la burocrazia e la risoluzione dei problemi, che lasciano poco spazio allo sviluppo delle proprie attività. Una di queste preoccupazioni, però, ha una soluzione facile: si tratta della flotta auto aziendali, gestibile risparmiando tempo […]

«In natura non esistono i rifiuti, ogni elemento si inserisce nel ciclo del biosistema, mantiene il valore il più a lungo possibile e si trasforma in nuova risorsa, innescando un circolo virtuoso». Ancora possibile anche in una società del consumo, andando Al cuore delle cose. Prende spunto – e pure il nome – da questo […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]