Trapani, un punto che non spezza il tabù trasferta Cosmi: «Come 30enni che non lasciano la mamma»

Il pareggio di Ascoli è sicuramente un risultato gradito. Si tratta di un punto che da un lato non consente al Trapani di lasciarsi definitivamente alle spalle il fastidioso tabù trasferte, ma al contempo permette ai granata di restare a ridosso della zona play off. L’obiettivo era, è e rimane la salvezza, ma se i siciliani dovessero trovarsi ancora in queste posizioni di classifica tra qualche mese, chissà che non sia lecito sognare. Contro i bianconeri la gara non è stata certo esaltante, anzi è risultata noiosa e piena di sbadigli, con alcuni tra i giocatori granata che sembrano subire un’involuzione inspiegabile quando si tratta di giocare lontano dalle mura amiche. Un trend che deve essere invertito, perché i punti più pesanti si conquistano in trasferta e sono ancora più decisivi se arrivano soprattutto contro squadre con gli stessi obiettivi.

Del risultato ottenuto ieri allo stadio Del Duca bisogna assolutamente salvare qualcosa. Lo sa bene mister Serse Cosmi, che preferisce guardare il bicchiere mezzo pieno e al termine del match esprime la sua soddisfazione per aver interrotto la striscia negativa in trasferta. «Questa era una partita molto particolare – ha esordito -, era necessario arrestare la sindrome da trasferta. Il primo tempo è stato equilibrato anche se brutto, non ci sono stati situazioni offensive, nel secondo siamo partiti con un altro spirito, creando un paio di opportunità abbastanza clamorose». Non si può che essere d’accordo con l’allenatore perugino, perché il match è stato veramente brutto, con le squadre che forse erano più spaventate di perdere che vogliose di vincere.

Il tecnico granata ha comunque voluto spronare i suoi a cercare un miglioramento nel rendimento esterno: «È un risultato che ci sta, prendiamo per buono il fatto di aver dato continuità alla vittoria in casa, ma dobbiamo ancora migliorare tanto. C’è troppa differenza per alcuni giocatori tra il rendimento tra casa e fuori, sembriamo quei 30enni che fanno fatica a lasciare la mamma e trovano sicurezza solo tra le mura di casa». E in effetti le statistiche fin qui parlano chiaro: il Trapani sta costruendo il suo campionato quasi esclusivamente tra le mura amiche, non tanto per i punti conquistati – 14 su 20 sono arrivati al Provinciale – quanto per l’atteggiamento della squadra, che in casa sa imporre il proprio gioco, mentre fuori soffre non poco. La squadra granata, tra l’altro, ha il peggior attacco esterno, con appena tre gol realizzati in sette partite. Dieci, invece, le reti subite lontano dal Provinciale.

Tra i tifosi cominciano i calcoli e l’obiettivo minimo sembrerebbero i trenta punti con i quali i granata conclusero il girone d’andata lo scorso anno. I supporters sono fiduciosi nonostante i più accaniti siano convinti che quelli contro i marchigiani siano due punti persi. I pareri sono contrastanti: da un lato c’è chi pretende un netto miglioramento dei risultati esterni, dall’altro c’è chi si accontenterebbe di vincere tutte le gare casalinghe. C’è poi chi prova a elaborare un ragionamento indicando nella continuità l’aspetto più importante del pareggio di ieri, con un punto che ha interrotto un’altalena di risultati che sembrava senza fine.

Sabato prossimo il Trapani ospiterà l’Avellino, diretta concorrente per la salvezza che non è partita proprio benissimo in campionato e che è reduce da due brutte sconfitte. Gli irpini si trovano a quota 16 punti e hanno nel reparto offensivo il loro punto di forza, con Castaldo e Tavano che potrebbero recuperare proprio in vista del match contro i siciliani, senza dimenticare Mokulu e Trotta, capocannonieri dei biancoverdi con sei gol a testa. Insomma, servirà una squadra accorta e attenta, che non permetta agli avversari di fare la differenza. Senza dimenticare che i granata potranno contare sul proprio pubblico, quel dodicesimo uomo che finora, soprattutto nella testa dei giocatori, ha sempre rappresentato una marcia in più per i granata.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]