Topi in scuole termitane e derattizzazioni I tre istituti restano chiusi fino a martedì

Escrementi di topo in alcuni locali dell’Istituto Tisia d’Imera e della scuola elementare Rosina Salvo, mentre due giorni fa è stato trovato un ratto anche al liceo classico G.Ugdulena. Riguardo i primi due istituti, il commissario straordinario Girolamo Di Fazio, con delibera del 20 febbraio, ha ordinato subito la sospensione delle attività didattiche per provvedere alla derattizzazione. Nell’ultimo caso il liceo ha sfruttato le vacanze di Carnevale per risolvere il problema. 

La storia ha avuto inizio il 16 febbraio scorso quando il dirigente scolastico dell’istituto Tisia D’Imera, Rosalia Maria Teresa Pinello, ha segnalato la presenza di escrementi in alcune aule dell’edificio. Col trascorrere dei giorni tali escrementi risultavano aumentati. L’Ufficio tecnico, a seguito di un sopralluogo, è subito intervenuto per risolvere il problema, posizionando delle trappole idonee all’interno dell’istituto ed effettuando la derattizzazione, disinfestazione e pulizia delle classi.

L’ordinanza è stata trasmessa anche al Dirigente del terzo settore per gli adempimenti consequenziali, alla dirigenza scolastica interessata, alla Prefettura e all’Asp, Dipartimento di Prevenzione di Termini Imerese. «Noi, da più di un mese, abbiamo notato la presenza di escrementi di topi – aveva commentato Pinello – e abbiamo chiesto che si prendessero gli opportuni provvedimenti ma non abbiamo avuto risposte». 

Negli ultimi giorni, poiché il fenomeno era sempre più in crescita, il dirigente scolastico si è rivolto all’Asp. «Abbiamo trovato anche i registri morsicati – ha aggiunto – Aspettavo da qualche giorno la visita dell’azienda sanitaria provinciale». I genitori, allarmati, hanno deciso di non mandare a scuola i propri figli. Non ci sono problemi per la scuola da un punto di vista burocratico. In questi giorni dovevano svolgersi le consegne delle schede del primo quadrimestre, ma tutto è stato rinviato

«Abbiamo anche segnalato quali potrebbero essere le cause della presenza dei ratti», ha concluso il dirigente scolastico. In particolare, la scuola ha individuato immondizia nel retro della scuola e una palma dove potrebbe esserci una tana di topi.  Anche per quanto riguarda il liceo classico cancelli chiusi fino a martedì. Nella struttura è stato trovato un ratto. Il dirigente scolastico, Nella Viglianti, ha deciso di sfruttare le vacanze di Carnevale per effettuare subito un intervento urgente di derattizzazione e disinfestazione.


Dalla stessa categoria

I più letti

Escrementi di ratto in alcuni locali dell’Istituto Tisia d’Imera e della scuola elementare Rosina Salvo, mentre due giorni fa è stata accertata la presenza di questi animali anche al liceo classico G.Ugdulena. Il dirigente scolastico ha deciso di sfruttare le vacanze di Carnevale per effettuare subito un intervento urgente

Escrementi di ratto in alcuni locali dell’Istituto Tisia d’Imera e della scuola elementare Rosina Salvo, mentre due giorni fa è stata accertata la presenza di questi animali anche al liceo classico G.Ugdulena. Il dirigente scolastico ha deciso di sfruttare le vacanze di Carnevale per effettuare subito un intervento urgente

Giustizia per Emanuele Scieri

Sono stati condannati i due ex caporali Alessandro Panella e Luigi Zabara. Finisce così il processo di primo grado con rito ordinario per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, avvenuto all’interno della caserma Gamerra di Pisa nell’agosto del 1999. Per loro il procuratore Alessandro Crini aveva chiesto rispettivamente una condanna a 24 anni e 21 anni, […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo