Tony Drago, Procura ora non esclude omicidio Indagati otto militari, chiesta nuova autopsia

Importante passo avanti nell’inchiesta sulla morte di Tony Drago, il caporale siracusano trovato morto nel cortile della caserma Sabatini di Roma il 6 luglio del 2014. Il pubblico ministero Alberto Galanti ha indagato otto persone delle dieci che erano state segnalate alla Procura della Repubblica con una denuncia presentata dai familiari lo scorso 16 giugno.

«Sono militari – spiega a Meridionews l’avvocato Dario Riccioliche, per grado e funzioni, rivestivano una posizione di garanzia volta a evitare l’evento che, in concreto, è avvenuto». A seguito della denuncia, il pm ha riproposto la richiesta di incidente probatorio per eseguire una nuova perizia medico-legale e cinematica. «Questa richiesta – aggiunge il legale – è stata notificata a tutte le parti, anche agli indagati per i quali il pm ha immaginato una duplice ipotesi di reato con formula alternativa: concorso in istigazione al suicidio oppure concorso colposo nell’omicidio doloso commesso da altri che, per il momento, rimangono ignoti».

Adesso, sarà la giudice per le indagini preliminari Angela Gerardi a valutare la possibilità di concedere l’incidente probatorio e fissare un’udienza per il conferimento di incarichi a un collegio di periti. La gip che, lo scorso maggio, ha respinto la richiesta di archiviazione ha ordinato di acquisire le immagini dei sistemi di videosorveglianza, i tabulati telefonici e delle mail in entrate e in uscita del caporale siracusano e ha ritenuto necessaria una nuova consulenza medico legale.

«Il mio consulente medico-legale, il professor Orazio Cascio – precisa il legale – cercherà elementi per dimostrare che la multilesività diffusa rende incompatibile l’ipotesi formulata dal dottor Massimo Senati che svolse la prima autopsia». Il medico del Policlinico Gemelli depositò una perizia piuttosto lacunosa. Nella relazione, infatti, non venivano presi in considerazione elementi molto importanti come i segni sulla schiena e sul collo di Tony o i risultati degli esami istologici e tossicologici.

«Il 3 luglio, mio figlio è andato a cena con alcuni amici e parenti – racconta la madre Rosaria – e una cugina della sua fidanzata, per salutarlo, affettuosamente gli ha messo una mano sulla spalla, ma lui si è subito irrigidito probabilmente perché ha sentito dolore. Le persone che erano con lui quella sera, inoltre, notano degli strani graffi al collo. Io sono convinta – aggiunge – che tutto abbia avuto inizio già dall’1 luglio, quando io ho chiamato mio figlio al cellulare e, per la prima volta dopo cinque anni di vita da fuorisede, mi ha risposto un’altra persona dicendomi che lui era in lavanderia. Erano le otto di sera – ricorda la madre – e io poi ho scoperto che la lavanderia chiudeva alle ore 19».

Dopo due anni di indagini che non hanno portato a nulla se non a una richiesta di archiviazione, adesso si è arrivati in poco tempo alla modifica del capo di imputazione con una richiesta di incidente probatorio. L’avvocato Riccioli si dice «soddisfatto perché, nonostante il pm abbia mantenuto la sua idea originaria di suicidio, ha anche indicato il concorso colposo nel delitto doloso che è la tesi interpretativa da me avanzata».

Fra gli elementi determinanti per questa svolta, anche la testimonianza di un amico della vittima che ha riferito al legale di essere stato il destinatario di una confidenza di Tony riguardo una aggressione avvenuta in caserma, circa un mese e mezzo prima, e per la quale Tony aveva già minacciato di denunciare le persone che aveva riconosciuto dalla voce. «Le nostre valutazioni medico legali e ingegneristiche sulla base dell’evidenza disponibile – sottolinea l’avvocato Riccioli – ci portano a dire, con rigore scientifico e al di là di ogni ragionevole dubbio, che non si è trattato di suicidio ma di omicidio».

Soddisfatti del lavoro svolto in sinergia da avvocati e procura della Repubblica, la madre Rosaria e il padre putativo Alfredo. «Temevamo ci fossero tempi più lunghi e invece finalmente siamo positivamente sorpresi. Noi – concludono – speriamo sempre di arrivare alla verità, quella vera».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]