The raconteurs – Broken boy soldiers

Se il biglietto da visita è un primo videoclip, quello di “Steady, As She Goes”, per girare il quale la cinepresa è stata maneggiata niente meno che dal regista americano Jim Jarmusch; se una delle menti del gruppo è il talentuoso Brendan Benson; se la sessione ritmica è quella degli apprezzati Greenhorses (Patrick Keeler alla batteria e Jack Lawrence al basso); e se, soprattutto, la voce principale è quella di Jack White, in pausa dalla sua “prima occupazione” con i White Stripes, allora si può ben dire che il progetto The Raconteurs ha tutte le carte in regola per meritarsi gli onori delle cronache musicali di questa prima metà del 2006. Nati nell’estate del 2005 dall’esplosivo incontro artistico fra Benson e White (concittadini ed amici di vecchia data), i The Raconteurs si presentano quindi neanche un anno dopo con questo Broken Boy Soldiers, mattone rock che, a primo impatto, altro non è se non il condensato del meglio che i ’60 e i ’70 hanno saputo offrirci.

E così, tra un omaggio ai Led Zeppelin (Level, Steady, As She Goes e Store Bought Bones) ed un altro ai Deep Purple (la titletrack Broken Boy Soldiers), trovano posto brani di beatlesiana memoria (Hands e soprattutto Intimate Secretary, evidente tributo a “Sgt. Peppers”) e ballate seventies in cui il gioco dei controcanti la fa da padrone (Together, Yellow Sun e Call It A Day). Decima ed ultima traccia è invece la blueseggiante Blue Veins, in cui l’eredità degli Yardbirds periodo Clapton viene fuori in tutta la sua sostanza. E poi la prestazione di Jack White: libero di sbizzarrirsi in quel che più gli piace, ci regala prove vocali di altissimo livello e divaganti riff chitarristici, entrambi frutto (o causa?) di quel citazionismo “classic” che impregna l’intero lavoro. Non si tarda inoltre ad accorgersi che, fra Benson e White, è quest’ultimo ad aver calcato di più la mano in fase di stesura dei testi, dati i ficcanti ed ossessivi ritornelli che, come succede per i brani dei White Stripes, stentano a lasciare in pace le meningi dell’ascoltatore. Insomma, derivativi o meno, questi The Raconteurs sanno il fatto loro e meritano un’attenzione che vada oltre la semplice curiosità per il side project.

TRACKLIST:
1 Steady, as she goes
2 Hands
3 Broken boy soldier
4 Intimate secretary
5 Together
6 Level
7 Store bought bones
8 Yellow sun
9 Call it a day
10 Blue veins


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]