Talé, ragazzi reinventano il turismo da Lentini Da Biviere ai tour nei terreni dell’arancia rossa

«Per qualcuno forse è più semplice decidere di andarsene, ma a noi piace coltivare le radici per creare qualcosa nella nostra terra. Se tutti quelli che sono in grado di fare qualcosa per la Sicilia scappano, allora questa terra è destinata a rimanere in mano a chi non ne vuole fare niente». È questo il punto di vista da cui sono partiti lo scorso marzo una decina di giovani lentinesi, dai 25 ai 35 anni, per dare vita all’associazione culturale Talé, Tourism and Leisure Experiences – Turismo ed esperienze piacevoli. Un nome un po’ siculo e un po’ internazionale.

«Per noi siciliani – spiegano a Meridionews i ragazzi – Talé è innanzitutto un’esclamazione di meraviglia legata al guardare ed è per questo che ci è sembrato il nome più adatto per noi che vogliamo far scoprire e osservare le meraviglie del nostro territorio. L’acronimo internazionale è venuto dopo». Barbara e Valeria sono laureate in Scienze dei beni culturali, Elisa e Alberto sono quasi architetti, Lorenzo è laureato in Scienze religiose, poi c’è Anna Lisa la pedagogista, Patrizia l’archeologa, Costanza che è laureata in Lingue e Paola che ha una forte passione per la cultura. Spinti dallo stesso obiettivo, si approcciano al progetto con competenze diverse ma «nessuno di noi è guida turistica con patentino – ci tengono a precisare – siamo semplici accompagnatori, però abbiamo studiato per crearci delle competenze specifiche e ci siamo formati con storici ed esperti che del nostro territorio sanno vita, morte e miracoli». 

Quattro i percorsi proposti dall’associazione, per far conoscere le bellezze del territorio lentinese. L’itinerario naturalistico gira attorno al lago Biviere, uno dei più grandi d’Europa, che è l’habitat scelto da tante specie di animali protette e da una grande varietà di piante particolari. «Durante queste escursioni – dicono dall’associazione Talé – spesso coinvolgiamo produttori locali per fare delle degustazioni dei prodotti tipici lentinesi, come il cudduruni che è una focaccia ripiena con verdura, formaggio e salumi o il pane di Lentini, che ha anche avuto la speciale denominazione di presidio slow food, che si mangia cunsato cioè condito con olio, sale, origano e peperoncino». 

Il percorso medievale, invece, segue le orme di Federico II per arrivare ai ruderi del Castellaccio. Con l’itinerario archeologico si va alla ricerca dei resti di Leontinoi, una delle più antiche colonie greche della Sicilia e «nell’ambito di questo percorso – racconta Anna Lisa, una delle ragazze di Talé – organizziamo anche percorsi di archeo-trekking, specialmente in primavera o nelle belle giornate, perché sparse nelle campagne lentinesi ci sono molte chiese rupestri e anche resti delle varie popolazioni che hanno attraversato il nostro territorio». Il percorso storico-religioso si snoda, invece, «sui passi dei santi», fra le chiese della città alla scoperta delle origini del culto dei martiri Alfio, Filadelfo e Cirino.

Pensate non solo per i turisti ma anche per i lentinesi stessi, e in particolare per i ragazzi della scuole, le escursioni hanno prezzi molto modici, dai tre ai cinque euro a persona «e spesso – precisano – facciamo dei pacchetti ad hoc con dei prezzi agevolati per i gruppi». Fra i progetti a breve termine c’è quello di una nuova forma di turismo esperienziale-naturalistico. «Il triangolo Lentini, Carlentini e Francofonte è il territorio dove nasce l’arancia rossa di Sicilia – spiegano – quindi, organizzeremo dei tour negli aranceti per far provare ai turisti a raccogliere questo frutto e degustarlo direttamente sotto l’albero con la possibilità anche di comprarle per portarle via. In ogni caso, quello che a noi sta a cuore – concludono – è la valorizzazione del nostro territorio a 360 gradi, quindi chiunque abbia qualche idea di un nuovo itinerario noi saremo pronti ad accoglierla e a iniziare nuove collaborazioni, che sia una fattoria o un panificatore o qualsiasi altra tipologia di produttore locale perché la nostra forza è anche il fare rete con tutti».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]