Il sud-est siculo minacciato dal briatorismo: ridateci i saccopelisti, aspettando l’Apocalisse

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.
Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo davvero di nicchia, davvero alternativo, davvero che ti compravi un pareo a maggio e a ottobre te lo toglievi stracatafottendotene di tutto e di tutti. Adesso pare che siamo a Stoccolma.
Premetto, non ho niente contro il lusso. (Non è vero, il lusso moderno è uno scandalo. Ci fu un tempo in cui il lusso era al servizio di una idea, per così dire, diplomatica e in qualche maniera sapienziale. Esso era rappresentanza di un Piano. Oggi il lusso rappresenta solo se stesso – ossia il Capitale – e infatti è un lusso da rappresentanti). Non ho niente contro chi porta denaro e lavoro edilizio e muratura e sfinteri idraulici. Non ho niente contro chi non ha niente se non il design (il design non è né stile né forma – se stile e forma facevano parte di un Disegno, ossia di un Sistema, il design fa parte di un disegnino, di uno scarabocchio).
Ma mi sembra che qui si esagera. Mi sembra che il briatorismo la stia facendo da padrona in una zona che in qualche maniera resisteva.

Ho letto da qualche parte che pochi giorni fa Flavio Briatore era a Lampedusa e che ha fatto molte foto della cosiddetta Tabaccara. Chi scriveva l’articolo era molto entusiasta: sembrava sperasse che Briatore ci piazzasse quantomeno un Twiga.
Ovviamente la ruralità bestiale non è tutta rose e fiori, anzi, spesso è letame e alcol scadente. Ma mi sembra che invece di trovare un equilibrio tra i due estremi qui la situazione si stia polarizzando: da un lato la povertà schiavista dei contadini che zappano, dall’altro le minchiatone col botto dei resort e delle villazze arrinisciute. Forse – levateci pure il forse – l’unico punto di contatto tra i due mondi è la cocaina.
Il sudest siculo, in cui una volta si mischiava l’antica nobilità con un turismo consapevole, in cui tutto era così lento che a volte sembrava fermarsi, sta per diventare (o lo è già diventato) preda di serate e gourmet e spacchioepiriti.

A volte passano coppie di tedeschi. In bicicletta. Con il sacco a pelo. Hanno libri negli zaini. Sandali sportivi ai piedi. Hanno gli occhi colmi delle nostre vallate ombrose, dei nostri fiumi, dei nostri sentieri nei quali, all’improvviso, si aprono scenari archeologici. Voglio dire, chi mi segue sa il mio odio verso questa visione del mondo goethiana, questa supponenza tutta germanica di volere spiegare il neoclassico a noi che siamo classici. Ma tra i tedeschi un po’ naive e questi metrosexual impazziti convinti di essere versaillesiani mentre sono solo neovillani (da nuovi proprietari di ville) non ho dubbi.
Voglio i saccopelisti.
Voglio qualcuno che guardi il sudest siciliano e lo veda per quello che è: una delle ultime apparizioni del mondo prima che tutto scivoli, inevitabilmente, verso la catastrofe finale e desertica che ci attende.
Perché anche l’Apocalisse ha un suo fascino. Anzi, non c’è niente di più bello.
Bisogna solo decidere se dimenticarsene mentre ci si incenerisce con un flute in mano, o se contemplarla in un sacco a pelo respirando il profumo che fu.
Prima che scompaia.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]