Spiagge libere e solarium, revoca a Caffè Napoleon «Il parcheggio a Sostare e la pulizia a Multiservizi»

La stagione balneare 2017 è alle porte e l’amministrazione ha già la sua prima decisione: la ditta Caffè Napoleon non gestirà spiagge libere e solarium. La lettera con il provvedimento di revoca dell’appalto che la società di Librino si era aggiudicata lo scorso anno, subentrando alla Fraggetta Fabio & C., è partita «qualche giorno fa dalla direzione Ecologia e, passati dieci giorni, diventerà definitiva», spiega alla commissione Commercio l’ingegnere Salvo Faillone, funzionario comunale e stretto collaboratore del nuovo direttore al ramo, Leonardo Musumeci. «L’azione si è resa necessaria perché – continua – l’impresa ha avuto, lo scorso anno, una serie di enormi mancanze». Ma non solo. La società, lo scorso mese di agosto, era finita al centro di un aspro dibattito dopo l’approfondimento di questa testata sulla presenza, nelle spiagge libere 1 e 3, di Orazio Buda, parente di Orazio Privitera, storico capo del clan mafioso dei Cappello oggi detenuto al 41 bis.  

«L’impresa aggiudicataria dell’appalto, dall’8 al 30 settembre, ha lasciato le spiagge libere senza bagnini e le torrette degli stessi abbandonate, tutte storte e quindi pericolose per l’utenza», spiega Faillone. «Un nostro ispettore, in quell’arco temporale, ha riferito come quotidianamente le spiagge fossero prive di sorveglianza balneare. Motivo per cui – continua il funzionario – l’amministrazione comunale gli ha spedito due lettere di contestazione alle quali ha fatto seguito un verbale». Ragioni che sono valse, alle porte della nuova stagione marittima etnea, la revoca dell’appalto alla Caffè Napoleon. Un atto che, parte della società civile, aveva chiesto a gran voce già lo scorso anno, per la presenza del pluripregiudicato cugino del boss del clan Cappello che gestiva, biglietti alla mano, due dei parcheggi delle spiagge libere. 

Su chi subentrerà alla società cooperativa di Librino che si è occupata, per conto di Palazzo degli elefanti, di tre parti di spiaggia libera sul litorale della Playa e delle pedane temporanee vicino alla Scogliera l’amministrazione ha già le idee chiare. «La partecipata comunale Multiservizi si occuperà della pulizia e della guardiania e la Sostare dei parcheggi», relaziona alla commissione al Commercio, presieduta da Ludovico Balsamo, l’ingegnere Faillone. Il quale prosegue: «Faremo un affidamento in house per i bagnini e una gara per la gestione degli spazi di ristorazione». Per quanto riguarda, invece, la realizzazione dei solarium: «È stato aperto un bando di gara per i lavori – dichiara Faillone – Ad essersi aggiudicato l’appalto è stata un’impresa di Brolo (in provincia di Messina), la Castrovinci costruzioni srl, che ha presentato un ribasso di circa il 16 per cento su una base d’asta di 226mila euro». 

Il bando per l’assegnazione dei lavori relativi ai solarium è stato pubblicato il mese scorso dal Comune di Catania. Alla gara per l’installazione e lo smontaggio di due strutture (una nei pressi di piazza Leonardo Sciascia e un’altra a Ognina, di fronte all’istituto Nautico Duca degli Abruzzi) di una rampa per diversamente abili (a San Giovanni Li Cuti) si sono presentate 36 ditte provenienti da tutta Italia. Quella scelta dal dirigente all’Ecologia, Leonardo Musumeci, è quella che ha convinto il Comune, stabilendo la cifra dell’opera per poco meno di 153mila euro. I lavori, che non sono ancora cominciati, da bando dovrebbero concludersi entro un mese. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]