Siglato il protocollo di intesa tra Comune e Airbnb Da aprile chi prenota pagherà la tassa di soggiorno

Ammonterà a 1,50 euro e sarà attiva dal 1 aprile l’imposta di soggiorno per i turisti che alloggeranno a Palermo prenotando attraverso la piattaforma Airbnb, per un incasso che secondo le previsioni degli organizzatori dovrebbe superare i 700mila euro entro un anno. L’accordo è stato siglato oggi a Palazzo delle Aquile, dal sindaco, Leoluca Orlando, e Alessandro Tommasi, Public policy manager della piattaforma Airbnb nel corso di un Focus sul Turismo esperenziale organizzato dalla Cna.

«Nell’ultimo anno oltre 107mila persone hanno scelto Palermo alloggiando tramite Airbnb – ha detto Tommasi – e qui rimangono più a lungo della media, per 3,6 notti. I bambini sono esclusi, la tassa di 1,50 euro si intende a notte per persona. Sono risorse che potranno essere destinate per aiutare il turismo. A Palermo Airbnb conta circa 5000 annunci e 3000 host (cioè i proprietari di casa), mentre in Sicilia sono oltre 40mila gli annunci e circa 30mila gli host. Al momento siamo l’unica piattaforma, speriamo di essere di esempio per le altre, perché l’imposta è uno strumento in più contro l’evasione».

«Occorre migliorare la promozione turistica in Sicilia e speriamo di contribuire a semplificare certi passaggi – ha sottolineato Tommasi – il progetto lanciato a ottobre a Palermo sui Borghi da Airbnb va in questa direzione, cioè differenziare le destinazioni turistiche anche a favore dei centri minori». Altre le novità previste dal protocollo di intesa per incentivare un turismo che vada oltre il mordi e fuggi, come spiega Piero Giglione, Cna Sicilia: «Abbiamo chiesto l’opportunità di inserire nella piattaforma Airbnb un link dedicato al turismo esperenziale, quindi il turista potrà organizzare la propria esperienza attraverso il portale di Airbnb, un servizio finora attivo solo a Milano e Roma, da ora anche in Sicilia».

Tra i presenti all’iniziativa anche Cristiano Tomei coordinatore nazionale Cna, e il presidente nazionale della Cna Luca Tonini, che ha sottolineato come il settore intero dell’artigianato abbia retto meglio alla crisi: «Con un trend in crescita dal 2014, ma solo nel 2017 l’incremento delle attività artigiane in tutta Italia è stato del 2,7 per cento». Dalla Cna hanno fatto inoltre sapere che «oltre 160 operatori di turismo esperenziale in tutta la Sicilia ci hanno chiesto di aderire e fare sistema per creare un vero brand, va ricordato che queste figure ogni non hanno ancora un profilo normativo riconosciuto».

Tra i relatori presenti anche Letizia Casuccio, di Coop culture, la più grande cooperativa che opera nel settore di promozione turistica e che dal 2017 gestisce siti come Monreale, Eraclea Minoa, Valle dei Templi e casa di Pirandello. «Siamo arrivati a 780mila visite l’anno – ha detto Casuccio – abbiamo registrato solo alla Valle un incremento che supera il 24 per cento organizzando anche letture di Omero all’alba con la fila di persone già alle 6 del mattino». Una promozione che ha avuto un’evidente ricaduta sul territorio: «Vogliamo fare appello al capitale umano – dice – abbiamo selezionato oltre 3000 giovani che parlano 11 lingue l’80 per cento dei quali ha meno di 30 anni . Ma in Sicilia è necessario fare dei concorsi per guide turistiche per aprire il mercato e dare un senso alla professionalità di tanti teorici e storici dell’arte che sono richiesti per fare il turismo esperenziale. Tra le novità che abbiamo scelto di inserire ci saranno delle attività di scavo archeologico tra le esperienze da fare per chi arriva nel nostro territorio. Inoltre, alla fiera di Berlino porteremo il portale Artplanner una piattaforma di commercializzazione del nostro territorio. Speriamo che tutto questo possa concorrere per superare le selezioni di Agrigento capitale della cultura per le quali siamo stati auditi martedì scorso». Su questo il sindaco di Palermo ha precisato come il capoluogo dell’Isola possa contribuire a fare da volano: «Il riconoscimento di Palermo Capitale della cultura deve essere un’occasione di promozione di una intera regione».


Dalla stessa categoria

Lascia un commento