Sicilia, terra di cantautori

Nicolò Carnesi è soltanto l’ultimo prodotto della fervente scena musicale palermitana. Già conosciuto per il precedente progetto ‘Paradisi Artificiali’, ha intrapreso una carriera solista che mira alla fusione delle sonorità british anni ’80 con i temi e l’uso delle parole tipico dei grandi cantautori italiani. Da qualche mese è in studio, insieme ad altri due musicisti, Giusto Correnti alla batteria e Francesco Pintaudi alle chitarre e al synth, per realizzare il suo album di debutto per la ‘Malintenti dischi’. In viaggio verso Perugia, prima tappa del mini tour che lo porterà in giro per Milano e il centro-sud, ha risposto alle domande di ‘Slash Band’.

Cantautore e nuova rivelazione della scena musicale palermitana, in realtà hai già due diversi progetti alla spalle. Ce ne vuoi parlare?
Sì, Nicolò Carnesi è l’evoluzione finale dei due precedenti progetti. Dico finale, perché sono rimasto da solo e non possono diminuire ulteriormente i componenti del gruppo. All’inizio della mia carriera facevo parte della band chiamata ‘Nicolò Carnesi e gli apocrifi’, mentre la seconda fatica musicale aveva il nome di ‘Paradisi Artificiali’. Con Francesco Pintaudi e Roberto Conigliaro abbiamo collaborato per quasi due anni fino alla fine del 2009. Da quel momento in poi è cominciata la mia carriera solista.

Francesco Pintaudi, in realtà, ti è rimasto vicino ed è uno dei due musicisti che ti accompagnano in tour. Rispetto al progetto precedente, cosa è cambiato?
Sono cambiate le canzoni. Con i ‘Paradisi Artificiali’ eravamo orientati verso un suono che si accostasse all’elettronica, adesso il sound è molto più cantautoriale e personale. Nonostante ciò non può essere definito convenzionale. Nel mio sviluppo personale del cantautorato cerco di essere sperimentale, di allontanarmi dalla tradizione.

Ho letto in una tua intervista, che unisci la matrice musicale italiana con quella britannica. Quali sono le influenze del panorama italiano e quali quelle del panorama britannico?
È assolutamente quella l’idea di partenza della mia musica. Miscelare la bellezza dei testi di autori italiani come Luigi Tenco, alle sonorità più british di numerosi artisti nati oltremanica. Un gruppo su tutti gli ‘Slowdive’, fondatori dello shoegaze, genere musicale che apprezzo particolarmente.

Nel corso di questi mesi hai lavorato già a diversi pezzi che stai portando in giro per l’Italia. Saranno tutti presenti nel tuo nuovo album?
Probabilmente non tutti i brani faranno parte dell’album. Ancora sono in fase di lavorazione e c’è sicuramente da fare una selezione. Sono davvero tanti e ancora non sono in grado di stabilire quali scegliere e quali no. A breve ufficializzerò anche il singolo che farà da apripista all’intero album.

In questo momento stai girando l’Italia e, mi chiedevo, non avendo ancora pubblicato l’album, se avessi comunque qualcosa con te da lasciare al pubblico che ti ascolterà nei prossimi mesi?
Ho preparato una demo da lasciare alla fine dei miei concerti. Non mi presenterò comunque a mani vuote. Anche perché, sono luoghi dove potrei non tornare per parecchio tempo, quindi è giusto lasciare un ricordo. I concerti dal vivo sono fondamentali per farsi conoscere, per creare un gruppo di ascoltatori assiduo. Anche i nuovi canali di informazione, come youtube, possono aiutare un artista come me nella ricerca di un pubblico sempre più ampio.

‘Mr. Robinson’, uno dei pezzi che stasera i perugini avranno il piacere di ascoltare, mi ha suscitato una curiosità. Mi ricorda molto le sonorità di un altro gruppo palermitano, i ‘Pan Del Diavolo’, anche loro in rampa di lancio, come molti altri provenienti dal capoluogo siculo. Pensi ci sia un denominatore comune che unisca ciascuno di voi? Si può parlare di corrente musicale palermitana?
Sì, sicuramente. Innanzitutto, ci conosciamo tutti tra di noi, scambiandoci le idee sulla nostra musica e su quello che ascoltiamo. Quindi sì, c’è una corrente che riunisce un ambiente ristretto di musicisti. È nata una voglia di suonare tutti la propria musica, con il proprio stile. L’atmosfera che si è creata mi ricorda quella di Seattle di qualche anno fa. Ovviamente è un paragone in piccolo di quello che successe in America.

Credi possa esserci un’artista in particolare tra questi, che possa fare il salto di qualità per farsi conoscere in tutta Italia?
Onestamente non saprei scegliere. Ci sono tanti lavori validi e tutti diversi tra loro. Forse i ‘Dimartino’ possono riuscirci. Ho ascoltato il loro nuovo lavoro, che uscirà a breve, e mi è piaciuto parecchio. L’ho trovato molto interessante.

Per quanto riguarda Nicolò Carnesi, quando potremo avere il piacere di ascoltare il tuo nuovo album?

Purtroppo non posso ancora rispondere. Una data certa non posso darla. Come ho già detto, sto lavorando intensamente in studio di registrazione e non riesco ad individuare un periodo preciso per l’uscita dell’album. Radio Zammù e i suoi ascoltatori saranno i primi ad essere informati.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]