Tecnologie in campo per curare le colture: a rendere la Sicilia una Smart Island ci pensa un’ingegnera 30enne di Niscemi

«Lavorando nell’azienda agricola dei miei genitori ho iniziato a capire le difficoltà di chi vive la campagna. Poi ho pensato che tutti questi dati andavano raccolti e incrociati. Così è nata Smart Island». Maria Luisa Cinquerrui, 33 anni, di Niscemi, in provincia di Caltanissetta, è un’ingegnera informatica specializzata in Sistemi di telecomunicazione, con una passione per la robotica. Un campo che sembrava lontano da quello della sua famiglia, agricoltori da generazioni. Ma che invece ha trovato il punto di incontro – e di svolta – proprio nell’applicazione delle conoscenze ingegneristiche al settore agricolo: con una start up, nata nel 2014 e diventata a misura d’azienda nel 2017, specializzata in tecnologie per l’agricoltura di precisione. Dispositivi da installare in campo che inviano dati ad appositi programmi progettati per tirarne fuori delle indicazioni: dalla quantità d’acqua necessaria alle piante alle possibili malattie. E che sono anche in grado di operare, intervenendo sul funzionamento di altri strumenti, come ad esempio gli irrigatori.

«Ho iniziato a lavorare all’azienda agricola di famiglia mentre studiavo all’università, per dare una mano – racconta – Lì ho capito quanto sia complicato, tra difficoltà di gestione dei fabbisogni, costi e problemi di produzione». Aspetti spesso legati all’imprevedibilità della natura, ma che agli occhi di un’ingegnera si trasformano in dati. Da raccogliere, tracciare e analizzare, alla ricerca di soluzioni. «Per farlo serviva un dispositivo e così ho creato il prototipo di Daiki, sia dal punto di vista dei sensori da installare che del software che analizza i dati, un progetto che è diventato anche la mia tesi di laurea – racconta la giovane imprenditrice – Allora si trattava di un device che scansionava l’alimento per capire il grado di maturità ed eventuali malattie». Un prototipo migliorato negli anni successivi anche attraverso i percorsi di incubazione per start up innovative e la creazione di un apposito team di sviluppo. Una squadra che Cinquerrui punta a integrare soprattutto con le donne. «Sia per la programmazione tecnica che per il lato amministrativo e di analisi dei dati finanziari – spiega – Perché operiamo in un campo considerato doppiamente maschile, dall’agricoltura alla tecnologia, ma non è così e Smart island, partendo da me, è già un’azienda femminile».

Il prototipo universitario, intanto, è diventato Daiki modular platform, «un sistema modulare, a blocchi – spiega l’ingegnera – Una parte permette di gestire rese e costi, stimando eventuali risparmi di energia, acqua e risorse. Un’altra riguarda invece l’analisi delle colture e degli ecosistemi in cui vive la pianta». Dal monitoraggio di aria e suolo, compreso il tasso di umidità, per arrivare al colore del frutto, eventuali macchie sulle foglie o grandezza del fusto. Ma il dispositivo non si limita a rilevare la salute delle colture. Può anche intervenire per migliorarne lo stato e aiutare l’agricoltore a svolgere alcune operazioni. «Daiki può interloquire con altri sistemi – spiega Cinquerrui – Ad esempio con gli impianti di irrigazione a cui può dire di accendersi in un settore specifico e non in un altro. E, per farlo, non ha bisogno né di wifi né di corrente, ma nasce per essere utilizzato ovunque, anche in zone agricole con difficoltà di comunicazione, dispersione o cali di tensione».

Una situazione comune a molte coltivazioni siciliane, connesse tramite satelliti e ponti, esposti a rischi. «Che si traducono anche in cinquemila euro di concime sprecato per chi ha tanta produzione», commenta Cinquerrui. Un problema generale, legato non tanto alle tecnologie, ma alla mancanza di informazioni, secondo l’ingegnera. «Lo abbiamo sperimentato anche nella nostra famiglia, gli agricoltori si trovano abbandonati perché non hanno consulenti e manager che possano seguirli nell’innovazione», spiega. A mancare è una figura che Cinquerrui definisce agri-innovation manager: un progettista che studia i bisogni dell’azienda e aiuta anche a ottenere i finanziamenti per gli interventi. «Perché gli agricoltori vogliono investire, ma vogliono soprattutto toccare con mano l’utilità di una tecnologia nuova – conclude – Il settore è pronto, quello che manca sono la comunicazione e la formazione, sia sugli strumenti che sulle opportunità economiche per introdurli». Un vuoto che l’azienda di Cinquerrui prova a colmare, per rendere la Sicilia agricola davvero una smart island.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«Lavorando nell’azienda agricola dei miei genitori ho iniziato a capire le difficoltà di chi vive la campagna. Poi ho pensato che tutti questi dati andavano raccolti e incrociati. Così è nata Smart Island». Maria Luisa Cinquerrui, 33 anni, di Niscemi, in provincia di Caltanissetta, è un’ingegnera informatica specializzata in Sistemi di telecomunicazione, con una passione […]

«Lavorando nell’azienda agricola dei miei genitori ho iniziato a capire le difficoltà di chi vive la campagna. Poi ho pensato che tutti questi dati andavano raccolti e incrociati. Così è nata Smart Island». Maria Luisa Cinquerrui, 33 anni, di Niscemi, in provincia di Caltanissetta, è un’ingegnera informatica specializzata in Sistemi di telecomunicazione, con una passione […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]