In Sicilia il dimensionamento taglia 75 scuole. L’assessore: «Nessuno stravolgimento per studenti, docenti e personale»

È stato approvato il Piano di dimensionamento e razionalizzazione della rete scolastica della Sicilia per l’anno 2024/2025. Il decreto, che è stato firmato dall’assessore regionale all’Istruzione Mimmo Turano, prevede una riduzione di 75 istituti scolastici in tutta l’Isola (e non più 93 come annunciato in precedenza), «puntando sulla verticalizzazione delle direzioni didattiche (primarie) e delle scuole secondarie di primo grado (medie) in istituti comprensivi». Un Piano di dimensionamento, che ha ricevuto il via libera dal ministero dell’Istruzione e che è stato condiviso dall’ufficio scolastico regionale per la Sicilia, che tiene conto del numero degli alunni, della disponibilità di locali idonei e dei limiti in materia di dotazione organica di dirigenti scolastici e direttori dei servizi generali e amministrativi. Nel dettaglio la provincia di Palermo perderà 17 autonomie (e non le 19 annunciate) mentre in quella di Catania saranno 14. Otto sia nel Trapanese che nel Siracusano, sette sia in provincia di Agrigento che di Messina, sei nella provincia di Ragusa, cinque in quella di Caltanissetta e tre nell’Ennese.

«Nell’arduo compito di contemperare la necessità di riduzione del numero complessivo di autonomie e di rispettare i vincoli dimensionali definiti dalla norma regionale – afferma l’assessore Turano – le operazioni effettuate in sede di Conferenza regionale sono state tutte improntate a un principio di rigorosa tutela delle realtà territoriali più piccole, ubicate in aree montane o la cui permanenza nel territorio rappresenta un importante presidio di legalità. Abbiamo provveduto alla soppressione di tutte le scuole medie e di quasi tutte le direzioni didattiche mantenendo solo quelle particolarmente grandi delle città metropolitane di Palermo e Catania o quelle presenti in zone ad alto rischio di dispersione scolastica». Questo perché decreto Milleproroghe ha consentito di mantenere, solo per l’anno scolastico 2024/2025, un ulteriore numero di autonomie scolastiche fino a un massimo del 2,5 per cento dei posti già assegnati alla Sicilia dal decreto (ossia 18 in più dei tagli previsti). Per il prossimo anno, quindi, sarà salvata l’autonomia di 15 istituti superiori, che rientreranno però nel piano di dimensionamento nel 2025/26, e di tre istituti comprensivi delle aree metropolitane di Catania, Messina e Palermo.

Tra gli istituti che, almeno per il momento, sono salvi ci sono anche l’istituto tecnico aeronautico statale Arturo Ferrarin e il nautico Duca Degli Abruzzi di Catania. «Bisogna garantire agli studenti e agli insegnati una totale autonomia anche nei prossimi anni – dichiara a MeridioNews il deputato del Movimento 5 stelle Luciano Cantone che da tempo segue la vicenda – Da ex studente, sono felice di avere portato la questione alla Camera dei Deputati e di avere rappresentato al meglio la volontà degli studenti che, per giorni, hanno manifestato pacificamente ma con grande determinazione» per evitare la fusione tra le due storiche scuole catanesi. Cosa che, invece, non è stata possibile per altri istituti dell’Isola già dal prossimo anno scolastico.

«Nessuno stravolgimento nella vita concreta degli studenti, delle loro famiglie e del personale scolastico – sostiene l’assessore Turano – Vorrei confermare che non chiuderà alcun plesso scolastico. Le istituzioni soppresse giuridicamente saranno verticalizzate in istituti comprensivi, come previsto per legge, garantendo un’offerta formativa più ampia e ricca a beneficio di tutti gli studenti. Inoltre – sottolinea – laddove possibile, si è proceduto all’aggregazione di intere direzioni didattiche a istituti comprensivi preesistenti, con la conseguente confluenza naturale nell’istituto di nuova formazione del personale Ata e di tutti i docenti titolari, assicurando – conclude l’assessore Turano – il rispetto della continuità didattica e la stabilità delle posizioni dei lavoratori».

Una questione che sa più di rimando che di soluzione e che ha lasciato perplessi i sindacati. «I plessi sono stati salvati solo momentaneamente – fa notare Patrizia Donato della Flc Cgil – visto che nel triennio ci saranno ugualmente tutti i tagli. Alla fine della riunione, non siamo in grado di dire quali siano le scuole che subiranno l’accorpamento perché, incredibilmente, questa informazione non è stata fornita nel corso dell’incontro. Forse sarà necessario ancora qualche aggiustamento nelle segrete stanze. Rimaniamo risoluti – continua la sindacalista – nella condanna di qualsiasi tipo di dimensionamento: anche perdere una sola scuola significa impoverire l’istruzione, indebolire il territorio, incoraggiare chi lascia il Sud per mancanza di opportunità per il proprio futuro». A farle eco è anche il segretario generale della Uil Scuola Sicilia Claudio Parasporo: «Resta sempre negativo il nostro parere su un provvedimento fortemente voluto dal ministero solo per risparmiare. È solo una soluzione tampone – afferma il sindacalista – che sposterà il dimensionamento al prossimo anno».

Clicca qui per leggere l’elenco completo degli istituti siciliani coinvolti nel Piano di dimensionamento.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

È stato approvato il Piano di dimensionamento e razionalizzazione della rete scolastica della Sicilia per l’anno 2024/2025. Il decreto, che è stato firmato dall’assessore regionale all’Istruzione Mimmo Turano, prevede una riduzione di 75 istituti scolastici in tutta l’Isola (e non più 93 come annunciato in precedenza), «puntando sulla verticalizzazione delle direzioni didattiche (primarie) e delle […]

È stato approvato il Piano di dimensionamento e razionalizzazione della rete scolastica della Sicilia per l’anno 2024/2025. Il decreto, che è stato firmato dall’assessore regionale all’Istruzione Mimmo Turano, prevede una riduzione di 75 istituti scolastici in tutta l’Isola (e non più 93 come annunciato in precedenza), «puntando sulla verticalizzazione delle direzioni didattiche (primarie) e delle […]

È stato approvato il Piano di dimensionamento e razionalizzazione della rete scolastica della Sicilia per l’anno 2024/2025. Il decreto, che è stato firmato dall’assessore regionale all’Istruzione Mimmo Turano, prevede una riduzione di 75 istituti scolastici in tutta l’Isola (e non più 93 come annunciato in precedenza), «puntando sulla verticalizzazione delle direzioni didattiche (primarie) e delle […]

È stato approvato il Piano di dimensionamento e razionalizzazione della rete scolastica della Sicilia per l’anno 2024/2025. Il decreto, che è stato firmato dall’assessore regionale all’Istruzione Mimmo Turano, prevede una riduzione di 75 istituti scolastici in tutta l’Isola (e non più 93 come annunciato in precedenza), «puntando sulla verticalizzazione delle direzioni didattiche (primarie) e delle […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]