Sequestrati centri estetici con trattamenti crioterapici Ambulatori di medicina estetica ma senza autorizzazioni

Quattro strutture con annessa criocabina (per trattamenti che sottopongono il corpo a temperature che vanno fino a -130 gradi per pochi minuti) sono state sequestrate in Sicilia da carabinieri del Nas nell’ambito di accertamenti eseguiti d’intesa con il ministero della Salute. In particolare, a Palermo sono stati sequestrati i locali adibiti a parrucchiera e centro fisioterapico, con annessa criocabina, poiché privi di autorizzazioni amministrative

I carabinieri del Nas di Catania hanno sequestrato tre studi in altrettanti centri estetici: due nel capoluogo etneo e uno a Enna. Secondo l’accusa erano utilizzati tutti impropriamente come ambulatori di medicina estetica. I locali erano attrezzati con cinque apparecchiature elettromedicali a uso professionale, impiegate per applicazioni di termoterapia e crioterapia combinata, ovvero per trattamenti fisioterapici e medico-estetici, per i quali è richiesta specifica autorizzazione sanitaria e formazione professionale del personale sanitario preposto all’utilizzo. Denuncia per i tre centri estetici per avere avviato l’attività senza la prescritta autorizzazione sanitaria.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo