«Scuola occupata». Dalle mamme

I problemi di alloggio per l’istituto comprensivo Andrea Doria di San Cristoforo non sono finiti. Lo sfratto esecutivo (l’ennesimo) è fissato per il 14 luglio ma le mamme, agguerritissime, non vogliono proprio saperne di lasciare l’edificio di via Cordai e da mercoledì 30 hanno occupato la scuola. Si sono barricate dentro, hanno chiuso i cancelli e non lasciano entrare nessuno. Sono determinate e pronte a tutto: «Non ce ne andiamo da qui fino a quando non sapremo che i nostri bambini potranno continuare a frequentare questa scuola, in questa via, in questo quartiere. Ci hanno preso in giro fino ad ora, adesso basta. Non ci faremo più illudere, niente più promesse e contentini. Questa volta facciamo sul serio».
 
E non risparmiano le forze, le mamme di San Cristoforo. Non temono il confronto. Venerdì scorso la vertenza si è spostata presso la Prefettura di Catania. Alla presenza del Prefetto Cancellieri le parti in causa hanno animatamente discusso le possibili soluzioni. La situazione è più complicata di quanto si possa pensare. Il Comune ha messo sul tavolo essenzialmente due proposte. La prima prevede lo smembramento della Doria e la conseguente dislocazione dei “doriani” in altre scuole, con particolare riferimento all’istituto Tempesta. Proposta puntualmente bocciata da mamme e professori: «L’assessore Maimone ci aveva detto che la preside della Tempesta gli aveva dato una disponibilità di 12 aule. Invece di aule ce ne sono solo 6 – accusa una delle mamme intervenute in Prefettura –. Dove li mettono 500 bambini?» La professoressa, Inserra dell’istituto Tempesta, conferma che le aule disponibili sono sei e aggiunge: «Non possiamo penalizzare i nostri alunni per risolvere la situazione di quelli provenienti da altre scuole. Noi non vogliamo che tutto si riduca a una guerra tra poveri».
 
La seconda proposta prevede la richiesta di rinnovo del contratto di affitto con le suore Orsoline – ricordiamo che lo sfratto è dovuto alla morosità del Comune – e il conseguente impegno, sempre da parte dal Comune, di farsi carico delle spese per la messa in sicurezza dell’edificio. «Il Comune vuole mantenere la Doria – ha detto Maimone –. Da quando mi sono insediato mi sono sempre impegnato attivamente per la scuola e ho anche presentato un progetto specifico per l’edilizia scolastica all’interno del piano strategico della città». L’assessore, messo alle corde da mamme e professori,  ha infatti tirato fuori un progetto che vedrebbe la nascita di un nuovo istituto tra via Barcellona e via Belfiore e che costerebbe al Comune circa 3.500.000 €. «Assessore – ha risposto il preside della Doria, prof. Santonocito – come può presentarci il progetto di una nuova scuola, quando non fate neanche la manutenzione in quelle che esistono già? Poche settimane fa è caduto un pezzo di tetto. Fortunatamente è successo di notte e nessuno si è fatto male. Parlate di nuovi progetti, ma noi sappiamo solo che in questa situazione non è possibile lavorare».
 
La riunione in Prefettura è finita così, con tante perplessità e tante incertezze. Le suore orsoline sembrano decise a non affittare più i locali perché ormai sono vecchi e necessitano di un’ampia ristrutturazione. Le promesse del Comune non convincono mamme e insegnanti. «Non hanno voglia di ascoltare – commenta la professoressa Platania –; non capiscono che si tratta di una realtà delicata, di un quartiere che registra un alto tasso di microcriminalità, di bambini che se non vanno a scuola prendono strade poco sicure. Perché rendergli tutto più difficile?». Le mamme, dunque, continuano a occupare. In attesa che arrivi qualche buona notizia.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]