Gli scenari dopo la rinuncia di Abramo. Salgono le quotazioni di un nome dell’area Cinque stelle

«In politica come nella vita esistono gli imprevisti che restituiscono, immediatamente, il giusto valore alle cose». Nessuna strategia alla base del passo indietro di Emiliano Abramo. Il presidente della comunità di Sant’Egidio che, appena quattro giorni fa, era stato indicato ufficialmente come il candidato a sindaco per le elezioni comunali di maggio a Catania del campo largo progressista – M5s, Pd, Sinistra italiana ed Europa verde – e che ieri ha annunciato di rinunciare per seri «motivi personali e familiari». Un imprevisto – come viene chiamato nella nota inviata dal segretario regionale del Partito democratico Anthony Barbagallo e dalla segretaria provinciale dei democratici Maria Grazia Leone – che fa ricominciare il totonomi all’interno del fronte progressista, dove trovare l’unità non era già stato semplice. E, adesso, bisogna ripartire. Anche se non proprio da zero. A tornare sul tavolo, con il tempo che stringe e altri (leggi Enzo Bianco e il patto della pedana con Giancarlo Cancelleri) già in piena campagna elettorale da tempo, sono nomi non nuovi e già sentiti.

Il primo che potrebbe tramontare ancora prima di sorgere è quello del candidato accademico Maurizio Caserta. Il docente di Economia all’Università di Catania, che nel 2013 aveva deciso di scendere in campo con l’ambizione di occupare la poltrona più importante di Palazzo degli elefanti, si sarebbe infatti già tirato indietro declinando l’offerta. Offerta che non è ancora stata ufficialmente fatta, nonostante il suo nome e cognome circolino da tempo nell’ambiente, a Niccolò Notarbartolo. Già consigliere comunale, è stato presente a tutti gli incontri dei tavoli tematici progressisti «ma mai a quelli di discussioni a livello politico – dichiara a MeridioNews – In questo momento, sopra ogni cosa – sottolinea – sono dispiaciuto e vicino ad Abramo. So che il mio ha girato tra gli altri e che ci sarebbe anche una parziale sintesi». Parziale perché ci sarebbe una sorta di veto che arriverebbe direttamente dal segretario regionale del Pd. «Il fronte progressista resta compatto – ci tenendo a chiarire Barbagallo e Leone – e ha messo a disposizione della città un patrimonio che non possiamo permetterci di sprecare».

E, intanto, dal Movimento cinque stelle arriva una soluzione anti-spreco. Abramo candidato sarebbe stato affiancato da una vice espressione dei pentastellati. L’ex ministra del Lavoro e delle Politiche sociali Nunzia Catalfo che, adesso, potrebbe diventare il nome da spendere per concorrere a diventare la prima cittadina etnea. Su di lei penderebbe, però, il vincolo del terzo mandato. Ma, c’è un ma. «Se a proporre il suo nome fosse il Partito democratico – sembra suggerire a MeridioNews il referente regionale del M5s Nuccio Di Paola – sarebbe un gesto importante di sintesi e unione mai visto prima». Non che questo scioglierebbe il vincolo. A meno che Catalfo non decidesse, sempre per amore di questa unità, di rischiare presentandosi senza il simbolo del Movimento. «Altrimenti – aggiunge Di Paola in ottica conciliante – si individua un altro nome, continuando a fare sempre un ragionamento di squadra perché abbiamo il dovere di offrire un’alternativa unitaria in una città per troppo tempo malgestita e abbandonata dal centrodestra». Alternativa che potrebbe convergere sul nome di Graziano Bonaccorsi, attivissimo consigliere comunale di opposizione.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«In politica come nella vita esistono gli imprevisti che restituiscono, immediatamente, il giusto valore alle cose». Nessuna strategia alla base del passo indietro di Emiliano Abramo. Il presidente della comunità di Sant’Egidio che, appena quattro giorni fa, era stato indicato ufficialmente come il candidato a sindaco per le elezioni comunali di maggio a Catania del […]

«In politica come nella vita esistono gli imprevisti che restituiscono, immediatamente, il giusto valore alle cose». Nessuna strategia alla base del passo indietro di Emiliano Abramo. Il presidente della comunità di Sant’Egidio che, appena quattro giorni fa, era stato indicato ufficialmente come il candidato a sindaco per le elezioni comunali di maggio a Catania del […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]