Scala turchi recintata? Privato: «Abbiamo l’ok» L’esperto: «Al Comune resta solo l’esproprio»

È bella la Sicilia quando per anni si sta fermi, e poi, ad un tratto, è tutto un brulicare di iniziative. Colpisce l’Isola quando dall’immobilismo si passa all’iperattività, fino a che non ci si stanca di nuovo. Mercoledì sono stati apposti i cartelli di proprietà privata alla Scala dei Turchi, e oggi l’agorà agrigentina si scuote; ogni coscienza, ogni anima urla la propria verità. A partire dal sindaco Calogero Zicari: «Stiamo studiando le carte. Il dottor Sciabbarrà (ossia colui che afferma di essere il proprietario del bene ndr) e l’avvocato Palillo, il suo legale, conoscono la fattispecie da più tempo di noi; di conseguenza questa amministrazione, insieme all’avvocato Vincenzo Caponnetto, sta facendo i salti mortali per venirne a capo al più presto».

Il primo cittadino nutre forti dubbi circa il carattere privato della proprietà della spiaggia, e pensa che «la Scala appartiene al mondo intero: recintarla è assurdo». «Attenzione – interviene l’avvocato Palillo – perché c’è una bella differenza tra delimitare e recintare: qui non si vuole impedire l’accesso. Il dottore Sciabbarrà è proprietario esclusivo della Scala dei Turchi, il caso è chiuso». Titolare a titolo originario, quindi, e lo dimostrerebbero anche tutti i pareri favorevoli degli enti preposti alla tutela: Soprintendenza, Demanio, Ispettorato regionale Agricoltura e Foreste. «Dopo aver ricevuto il via libera da parte dei suddetti enti – continua il legale – abbiamo trasmesso tutto al Comune di Realmonte, il quale ancora deve emettere il provvedimento finale». Nel frattempo il proprietario «ha ritenuto di apporre i paletti che indicano il carattere privato dell’area, anche per avvisare i terzi fruitori che il terreno è scivoloso». Adesso si aspetta la linea, difensiva o offensiva, del Comune e del suo sindaco Zicari.

Non è l’unica realtà del genere in Sicilia: a parte il caso dei crateri Silvestri dell’Etnarisalente all’estate scorsa e culminato anch’esso nell’apposizione di cartelli proprietà privata, da Mozia a Scopello, passando per il giardino della Kolymbethra, si registra una gestione o, addirittura, una proprietà privata di luoghi frequentati da sempre da visitatori di ogni dove. L’isola del trapanese appartiene alla Fondazione Whitaker ed è accessibile con un ticket comprensivo anche della visita al museo. La tonnara di Scopello, invece, continua ad essere al centro di una disputa tra i comproprietari della Comunione Tonnara di Scopello&Guzzo e il Comune di Castellammare del Golfo; è di un paio di settimane fa la notizia della sospensiva del Tar delle ordinanze comunali che prevedevano la «pubblica accessibilità all’area demaniale marittima» e la «libera e gratuita fruizione del mare, nelle baie antistanti i faraglioni e l’ex Tonnara di Scopello». «La Kolymbethra di Agrigento – afferma il direttore del Parco, Giuseppe Lo Pilato – è, invece, un bene demaniale concesso dalla Regione al Fai per un periodo di 25 anni a partire dal 2000». Non solo: il Fondo ha anche assegnato al Comune di Realmonte «20mila euro per abbattere un ex bar installato sulla scogliera della Scala e risanare tutto il relativo perimetro».

Non si sa quanto ancora durerà la telenovela in salsa pirandelliana, ma secondo il parere dello studio legale Peritore, esperto in diritto patrimoniale, «è possibile che ci sia un effettivo diritto di proprietà privata, se risulta dai titoli; dal ’75 non si possono più acquistare beni del genere, ma chi è già titolare ha la facoltà di comportarsi uti dominus nei limiti delle norme di diritto pubblico; si può anche introdurre un biglietto di ingresso: è quanto succede alla pozza dei fanghi di Vulcano, alle Eolie. La spiaggia, però, non si può usucapire, dato che è liberamente accessibile: di fronte alla proprietà privata, l’unica cosa che potrebbe fare il Comune è l’esproprio, ma deve avere un progetto di pubblica utilità e si deve registrare l’inerzia del privato nel godimento». Secondo un regolamento della Comunità Europea ratificato da una recente pronuncia della Corte Costituzionale, infine, il bene espropriato deve essere pagato secondo il valore di mercato. Quest’ultimo dato potrebbe essere determinante: quanto costerà la Scala dei Turchi?


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Due giorni fa sulla famosa spiaggia sono spuntati i cartelli «proprietà privata». E tutti hanno appreso che un pensionato ne rivendica l'uso. Il comune di Realmonte studia una strategia ma il presunto proprietario avrebbe già i pareri favorevoli degli altri enti competenti. Il legale: «Il bene acquistato andrebbe acquistato a prezzo di mercato»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]