Sant’Agata, i miti e le leggende del culto etneo Dai sette cancelli all’ulivo che la nutrì in carcere

Doppu cha a Sant’Ajta c’arrubaru
Ci ficiru i port’i ferru!
(motto popolare)

Nel 1890, in pieno regime dei Savoia, il tesoro agatino viene violato. Per secoli nessuno mai aveva osato tanto, tutto cambia quell’anno. Per questo prima di allora non era mai stata pensata una misura di sicurezza. L’immaginario collettivo sa bene di cosa si tratta: sette cancelli, altrettante chiavi e migliaia di combinazioni e lucchetti fanno la guardia al simulacro della patrona di Catania. La Cammaredda – la cameretta – ricavata in un’intercapedine tra l’abside centrale e la cappella di sant’Agata – è il luogo in cui riposa il busto. Per accedere al quale, vuole la tradizione, sarebbe necessario passare attraverso meccanismi machiavellici. Impossibili da realizzare se si nota che, materialmente, lo spessore murario non è così tanto da concedere simili macchinazioni. Prontamente si replica sull’esistenza di ascensori che conducono a sotterranei segreti. Sotterranei, beninteso, che nel capoluogo etneo sono tutti comunicanti. Niente è riuscito a intaccare questa leggenda metropolitana, una tra le mille e più che agitano le vie cittadine. 

Sembra poi che Sant’Agata le attiri su di sé, come una sorta di faro di storie, soprattutto inverosimili. Così un acquedotto datato al I secolo d.C., la maggiore opera idraulica della Sicilia romana, diventa un omaggio che Quinziano vuole fare alla fanciulla per conquistarla. Una fanciulla che – in assenza di dati concreti – diventa ogni anno più giovane al momento del martirio. E Quinziano da canto suo non è da meno, così lo troviamo morire annegato tra le acque del Simeto – che come il Mar Rosso biblico si apre e si richiude sul proconsole e relativa cavalcatura – e il suo fantasma aleggerebbe ancora tra onde burrascose del fiume la notte tra il 4 e il 5 di febbraio. Peccato che da che esiste la diga elettrica alla Quarara di Manganelli, il fiume abbia perso buona parte del suo vigore, mettendo a tacere le voci: di Quinziano, dei suoi cavalli e del popolo.

La tradizione ricorda poi le impronte miracolose impresse nella roccia al momento dell’incarceramento. Ciò che si ignora, però, è che in epoca antica era usanza realizzare doni (i cosiddetti ex voto) per chiedere la guarigione delle parti anatomiche malate o sofferenti. In quelle società dove il cavallo era un lusso si trattava spesso dei piedi. Nel momento dell’arresto, la tradizione vuole che alla santa sia scivolato pure un seme di oliva. Che miracolosamente attecchisce e diventa grande e robusto. Per la festa si usa consumare le celebri aliveddi, a sostituire quelle aspre dello storico albero distrutto da un fulmine quasi 40 anni fa. Il legame tra l’albero e la santa appare descritto in modi diversi tra loro: in una versione diffusa in anni recenti, l’albero è già piuttosto grande al momento della detenzione di Agata e aiuta la fanciulla a nascondersi e a nutrirsi. Un elemento che permette di capire quanto la vox populi abbia influito a colorare la vicenda. 

La festa di Sant’Agata, del resto, è debitrice di parecchi aspetti dei culti della classicità, e dunque assorbe la simbologia legata all’olivo, pianta sacra per i Greci e illustre culla dei gemelli Romolo e Remo secondo i Romani. Una nota di botanica può porre fine alla questione: nel periodo della passione agatina, l’olivo si sta appena risvegliando dalla pausa invernale. La raccolta dei frutti avviene, invece, in autunno. Quanto poi al carcere vero e proprio, la leggenda e l’iconografia correlata si arricchiscono di sfumature che all’epoca del martirio (III secolo) non esistevano, essendo la giustizia romana piuttosto spiccia e sbrigativa: sono invenzioni la cella angusta e le grate alle finestre. E la finestra da cui si affacciava la santa? Si tratta di un cunicolo scavato nelle mura del 1553 per illuminare l’ambiente che la tradizione inquadra come carcere, ma che l’archeologia ha precisato essere parte di un monumento di gusto ellenistico.

Infine, l’anno dopo la morte della fanciulla, il velo che la ricopriva viene usato per fermare la lava che minaccia la città. Un miracolo al quale segue il cambio di colore della stoffa, che da bianca diventa rossa. Ma, dando per buono che quel drappo rosso fosse appartenuto davvero a Sant’Agata, esso doveva avere già da allora quel colore. Lo stesso delle vesti delle diaconesse, diverso dal bianco usato solo in epoche a noi più prossime. Ma la storia nulla può contro le tradizioni popolari, accettate per fede. E ci vuole poco perché diventino – inevitabilmente – vox Dei. La voce di Dio.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]