San Marco, apre a febbraio ma personale insufficiente Basile: «Senza assunzioni avremo una struttura vuota»

L’ospedale San Marco ha finalmente una data di consegna dei lavori. Dopo un sopralluogo effettuato negli scorsi giorni all’interno del cantiere – organizzato da Anaao Assomed Sicilia con la collaborazione di Rete Librino e Cittadinanzattiva Sicilia -, la dirigenza generale dell’azienda Policlinico ha annunciato che l’opera, costata in totale 120 milioni di euro, sarà ultimata entro il 9 febbraio del 2017. Un annuncio che arriva dopo un vero e proprio calvario amministrativo ma che, tutt’oggi, lascia aperti seri dubbi sulla reale operatività del presidio sanitario etneo. Nonostante l’imminente apertura, la nascita dell’ospedale del quartiere Librino sembra andare incontro a un inevitabile paradosso, sin dai suoi primi vagiti. 

Quello di una struttura completa, con macchinari e forniture all’avanguardia ma senza le risorse economiche per pagare personale medico e infermieristico. A sollevare la questione, oltre ai sindacati di categoria, è il presidente della Facoltà di Medicina Francesco Basile che, durante l’incontro con la direzione e le rappresentanze dei lavoratori, ha parlato chiaramente di «problema delle assunzioni». «L’anno che è nata l’azienda Policlinico, dalla fusione del Vittorio Emanuele con la struttura di via Santa Sofia, le risorse delle due realtà sono confluite ma hanno subito pesanti riduzioni – spiega Basile a MeridioNews – L’azienda ha infatti dovuto applicare una riduzione del personale perché a fronte dei tantissimi pensionamenti non sono corrisposte le necessarie assunzioni, anche a causa dell’attuale blocco dei concorsi». Il docente universitario fa riferimento all’attuale situazione di stallo in cui si trovano i tanti medici precari siciliani, vincitori di concorso, che attendono dalla Regione Sicilia le risorse necessarie per essere stabilizzati

Una situazione che, rallentando di fatto il ricambio generazionale, sta seriamente mettendo in difficoltà la sanità pubblica. «Oggi ci troviamo davanti a nuovi edifici al policlinico da avviare, come quello del Pronto soccorso dove ormai è tutto pronto, e dobbiamo anche fornire le risorse umane per il San Marco – continua Francesco Basile – ma con le diminuzioni che ci sono state i dipendenti bastano a stento per le strutture attualmente attive». L’unica soluzione possibile, secondo il professore, è quella di procedere con l’assunzione dei medici precari, in attesa dell’applicazione della rete ospedaliera regionale. «Se dovessimo realmente aprire a febbraio la struttura di Librino, i reparti trasferiti saranno molto pochi. Per fronteggiare questa carenza è necessario che l’assessorato regionale invii le risorse economiche necessarie». Un percorso che però Basile riconosce come «molto complicato». L’assessore Baldo Gucciardi avrebbe infatti fatto sapere di avere difficoltà nella ricognizione dei fondi. Nonostante, durante la festa nazionale de l’Unità, avesse affermato: «Appena conclusi i lavori l’ospedale sarà una struttura degna di questo nome».

Per questo motivo insieme alla dirigenza dell’azienda, da Palermo si starebbe cercando un’interlocuzione con il ministero competente. «Non avendo potuto assumere si è prorogata la stabilizzazione dei precari che al Policlinico sono un centinaio – aggiunge Basile – alcuni, tra l’altro, hanno già fatto i concorsi e hanno vinto ma non possono ricoprire il ruolo a causa del blocco. Proprio loro potrebbero risolvere in parte il nodo del San Marco». «Il 31 dicembre 2016 scadono inoltre le proroghe per le graduatorie dei concorsi – conclude – quindi dal 1 gennaio 2017 non varranno più e si dovranno fare nuovi concorsi».

Sul tema, durante l’incontro all’interno del cantiere, si è espressa anche la dottoressa Ester Reggio, del coordinamento dei precari Anaao Assomed Sicilia: «La Regione non può ancora disattendere alla richiesta pressante dei tanti professionisti che, pur avendo vinto un concorso, attendono la stabilizzazione. È inimmaginabile – conclude Reggio – che questa situazione si protragga ancora, e il 31 dicembre, è dietro le porte».


Dalla stessa categoria

I più letti

Se c’è una cosa che non si può comprare, è il tempo. Lo sanno bene gli imprenditori, spesso alle prese con la burocrazia e la risoluzione dei problemi, che lasciano poco spazio allo sviluppo delle proprie attività. Una di queste preoccupazioni, però, ha una soluzione facile: si tratta della flotta auto aziendali, gestibile risparmiando tempo […]

«In natura non esistono i rifiuti, ogni elemento si inserisce nel ciclo del biosistema, mantiene il valore il più a lungo possibile e si trasforma in nuova risorsa, innescando un circolo virtuoso». Ancora possibile anche in una società del consumo, andando Al cuore delle cose. Prende spunto – e pure il nome – da questo […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]