San Cristoforo, hanno vinto le mamme?

Sono esplose in un urlo di gioia e hanno interrotto la loro protesta, sabato mattina, le mamme che occupavano l’istituto Andrea Doria di S. Cristoforo. A segnare la loro vittoria è stato l’arrivo via fax, della delibera del comune in cui si confermava l’accordo verbale preso tra le stesse mamme, il preside Santonocito della Doria, il comune e le suore orsoline. Tale accordo prevede il mantenimento della scuola nei locali di via Cordai (dove è sempre stata), per almeno altri due anni, e la messa in sicurezza degli stessi. Al posto delle mamme degli alunni, nella scuola sono entrati i professori per gli scrutini finali. Scrutini indispensabili per poter chiudere l’anno scolastico appena trascorso e poter effettuare regolarmente gli esami di licenza media (iniziati ieri, mercoledì 13).

Per tale accordo si è scomodato anche monsignor Gristina, l’arcivescovo di Catania. Le suore, infatti, data l’inaffidabilità del Comune loro affittuario, si erano chiuse rifiutando qualsiasi trattativa. Adesso la situazione sembra un po’ più tranquilla. Le suore, per la precisione, sono disposte sia a riaffittare al Comune che a rinunciare ai crediti accumulati. A patto, però, che l’amministrazione cittadina si faccia carico di effettuare tutti i lavori di messa in sicurezza dello stabile. La situazione sembrerebbe risolta, o almeno in via di risoluzione, ma non è scontato come sembra.

«La delibera, che è un atto pubblico e dovuto – ci dice Giovanni Caruso, uno dei responsabili del GAPA (l’associazione no-profit operante a S. Cristoforo da più di vent’anni, e solidale con la protesta) – ha un contenuto generico, anche troppo. Non dice nulla – continua Caruso – sul contratto stipulato con le suore e soprattutto non dice neanche una parola sulla messa in sicurezza dell’edificio. Sembrerebbe quasi che l’assessore Maimone abbia avuto paura di non poter far svolgere regolarmente gli esami di terza media, e abbia mandato un fax -contentino. Più passano i giorni più la speranza si affievolisce e si riaccende la rabbia e la disillusione nei confronti di un’amministrazione comunale che ha fatto tante promesse, ma che non ne ha mai rispettata una».

Così non rimane che aspettare una decisione definitiva. Una delibera più chiara, in cui vengano riportati tutti i dati relativi al contratto e tutti i dati relativi alla messa in sicurezza della scuola. È necessario che si stabilisca un clima in cui poter lavorare rilassati e non con la preoccupazione che da un giorno all’altro possano arrivare i carabinieri per far sgomberare l’edificio. Attendere, comunque, non significa stare con le mani in mano, ma continuare a darsi da fare. Il prossimo passo sarà la proiezione di un film-denuncia girato da alcuni volontari che hanno combattuto per l’istituto comprensivo Andrea Doria. L’appuntamento è per giorno 21 alle ore 16.30, nell’auditorium dei Benedettini. È proprio il caso di non mancare.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]