San Cristoforo, bambini sotto sfratto

“Questa scuola non deve essere chiusa”. Lo dicono i docenti e le mamme dei giovani alunni dell’istituto comprensivo Andrea Doria di san Cristoforo, costituitisi in un Comitato di difesa. Amareggiati, stanchi e quasi disillusi, ormai da ben due anni si oppongono alla minaccia dello sfratto che dovrebbe cancellare uno dei presidi storici del quartiere. Il Comune infatti non riesce a pagare l’affitto alle suore orsoline, proprietarie dei locali di via Cordai. Le suore, stanche di aspettare il pagamento degli arretrati, hanno intimato lo sfratto.

 

“Non si può vivere in un perenne stato di precarietà”, afferma il preside Giuseppe Santonocito, che ci accoglie insieme alla vice preside Barbara Messina, e alle insegnanti Venerina Platania e Concetta Messina. “Il nostro quartiere – continua il preside – ha un alto tasso di microcriminalità e dispersione scolastica. La chiusura o anche il solo trasferimento dell’istituto farebbero aumentare questi numeri”. La professoressa Messina aggiunge: “Siamo orgogliosi di lavorare con questi ragazzi. Da quando esiste questa scuola è diminuita la dispersione scolastica, e non vogliamo che i ragazzi perdano questo importantissimo punto di riferimento”.

 

Il Comune, da parte sua, non sembra avere le idee chiare. Il comportamento dell’Assessorato alle Politiche scolastiche sembra un’altalena tra il pago e non pago, tra il compro e non compro. Lo sfratto esecutivo era previsto per giorno 5 aprile. Il Comune, però, assicurando la controparte dell’emissione di alcuni mandati di pagamento, ha risolto momentaneamente la questione. Ma insegnanti e genitori non sono affatto tranquilli.

 

“Il problema dello sfratto non è certo risolto: probabilmente si tirerà avanti fino alla fine dell’anno scolastico, ma la questione potrebbe ripresentarsi a settembre”. E’ l’opinione di Sergio Cosentino, avvocato e volontario del Gapa (Giovani Assolutamente Per Agire), un’associazione no profit che opera a S. Cristoforo da oltre 20 anni e che si occupa soprattutto di minori svolgendo attività ludico-ricreative. “Siamo solidali con questa protesta e abbiamo messo a disposizione i locali per il Comitato. Il Comune finora ha agito in modo ambiguo. La battaglia dovrà continuare, perché bisogna pur trovare una soluzione definitiva”.

 

In questi mesi di tira e molla si è parlato del prolungamento del contratto di locazione con il rispettivo pagamento degli arretrati rimasti insoluti; si è parlato della possibilità di acquistare l’immobile; si è parlato anche della possibilità di trasferire la scuola  in via Case Sante. In definitiva, fino ad adesso, si è solo parlato. L’unica cosa che interessa al personale docente e non docente è che la scuola resti dov’è. E a proposito del possibile trasferimento nei locali di via Case Sante il no degli insegnanti e delle famiglie è categorico: “Il nuovo plesso, ancora in gran parte da costruire, è troppo distante – afferma il preside -. Molti ragazzi non andrebbero a scuola e finirebbero sulla strada”.

 

Le mamme degli studenti che frequentano l’istituto, sostenute dalla scuola, hanno chiesto vari incontri all’assessore competente, Giuseppe Maimone, ed hanno organizzato manifestazioni e sit-in. “E’ stata una grande dimostrazione di senso civico – dice la professoressa Concetta Messina -. E pensare che, secondo l’assessore, questo sarebbe un comportamento diseducativo. Perché dimostrerebbe sfiducia nelle istituzioni”…


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]