S. Giovanni Galermo, le accuse al Comune «Sindaco inadempiente, sordo e bugiardo»

«Operazione verità». L’ha chiamata così Giuseppe Catalano, presidente della V municipalità etnea, la conferenza stampa convocata questo pomeriggio a San Giovanni Galermo. Un incontro per «spiegare ai sangiovannesi, stanchi di essere presi in giro, che non è colpa nostra se l’amministrazione non ci fa lavorare. Che noi continueremo a lottare per il nostro quartiere anche se il signor sindaco rimane sordo alle esigenze dei suoi cittadini».

«E’ inutile che l’ufficio stampa del Comune continui a rassicurare, promettendo interventi che non farà – dice Catalano – I cittadini non ci credono più, si sentono presi in giro e pensano che siamo noi rappresentanti a non saper fare il nostro lavoro. Ma è giusto che sappiano di chi è la responsabilità dei problemi mai risolti nel quartiere». Problemi che probabilmente non verranno affrontati nemmeno in futuro, perché non inseriti nell’elenco delle opere triennali in programma per la città. Un registro che andrebbe ribattezzato «Libro dei sogni – esclama Catalano – per tutte le volte che il Comune è stato inadempiente. Il 2012 è quasi finito e l’amministrazione sta ancora trattando il bilancio di quest’anno, che non prevede nessun capitolo per il decentramento delle municipalità e su circa 288 opere programmate, solo l’uno per cento riguarda San Giovanni Galermo. Diciotto voci di cui sei sul completamento delle nuova parrocchia Santa Elisabetta e Zaccaria e le altre dodici su interventi non indispensabili».

«Sono anni che chiediamo di attenzionare la viabilità del nostro quartiere e la sicurezza delle strade. Il centro storico è vecchio, mancano le vie di fuga e un incidente o una banale pioggia bloccano tutto il quartiere causando enormi disagi – racconta Catalano – Tra gli interventi urgenti e a medio termine, poi, ci sarebbe la circonvallazione che collega gli estremi del quartiere, Balatelle e la zona dell’Etna Bar», continua. «Sappiamo che nella maggior parte dei casi le amministrazioni non riescono a realizzare tutto. Ma il fatto che queste cose nemmeno vengano programmate ci toglie tutte le speranze sul futuro del quartiere. Manca la volontà», sostiene Catalano. «Poi alle false promesse e alle bugie del sindaco si somma la riduzione di molti servizi. L’Amt ha dimezzato gli autobus interni ed eliminato quelli dei giorni festivi. Mancano centri di aggregazione giovanili, non abbiamo nemmeno una bambinopoli, servizi sociali e sportivi. I sangiovannesi sono stanchi di essere trattati come una periferia dimenticata», dice il presidente di municipalità.

«Il Comune ci ignora e a noi non resta che denunciare. Ieri mattina in Consiglio abbiamo approvato un documento da inviare alla Procura della Repubblica per il pericolo dovuto alla mancanza delle caditoie, per la pulizia e l’allagamento delle nostre strade – spiega Catalano – Oltre un anno fa, infatti, sono stati rubati quindici coperchi di tombini e, nonostante le nostre continue segnalazioni, fino ad oggi non sono mai stati sostituiti – racconta – Con gli assessori non abbiamo rapporti da mesi. Li invitiamo alle nostre sedute, ai tavoli tecnici ma nessuno si è mai degnato di venire. Oggi mi trovo costretto ad allargare le braccia ai mie concittadini perché il Comune è bugiardo. Non ha mantenuto e non manterrà le promesse fatte», esclama con forza il rappresentante.

Risanamento, programmazione e rilancio. Erano questi i punti della politica lanciata da Stancanelli per Catania. Ma «a distanza di quattro anni dalle elezioni – commenta Catalano – posso dire che non ci sono opere pubbliche in programma. E che questo sindaco non lascerà nulla alla città». «Dal canto nostro, non ci stancheremo di programmare, fare delibere e battagliare con questa amministrazione sorda e bugiarda. Perché si attivi per quello che San Giovanni Galermo merita».

 

[Foto di Giuseppe Catalano su Facebook]

 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il presidente della V municipalità, Giuseppe Catalano, punta il dito contro il sindaco e la sua giunta durante una conferenza stampa convocata questo pomeriggio. «Nessuna delle opere urgenti per il quartiere è stata inserita nella programmazione del Comune e intanto l'Ufficio Stampa rassicura promettendo interventi che poi non vengono fatti». Catalano allarga le braccia davanti ai cittadini, ma rilancia: «Non smetteremo di battagliare per il bene del quartiere»

Il presidente della V municipalità, Giuseppe Catalano, punta il dito contro il sindaco e la sua giunta durante una conferenza stampa convocata questo pomeriggio. «Nessuna delle opere urgenti per il quartiere è stata inserita nella programmazione del Comune e intanto l'Ufficio Stampa rassicura promettendo interventi che poi non vengono fatti». Catalano allarga le braccia davanti ai cittadini, ma rilancia: «Non smetteremo di battagliare per il bene del quartiere»

Il presidente della V municipalità, Giuseppe Catalano, punta il dito contro il sindaco e la sua giunta durante una conferenza stampa convocata questo pomeriggio. «Nessuna delle opere urgenti per il quartiere è stata inserita nella programmazione del Comune e intanto l'Ufficio Stampa rassicura promettendo interventi che poi non vengono fatti». Catalano allarga le braccia davanti ai cittadini, ma rilancia: «Non smetteremo di battagliare per il bene del quartiere»

Il presidente della V municipalità, Giuseppe Catalano, punta il dito contro il sindaco e la sua giunta durante una conferenza stampa convocata questo pomeriggio. «Nessuna delle opere urgenti per il quartiere è stata inserita nella programmazione del Comune e intanto l'Ufficio Stampa rassicura promettendo interventi che poi non vengono fatti». Catalano allarga le braccia davanti ai cittadini, ma rilancia: «Non smetteremo di battagliare per il bene del quartiere»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]