Rigassificatore, corto circuito all’Enel?

C’è  un po’ di confusione in casa Enel? Il dubbio nasce da una brevissima nota del gruppo che contraddice le dichiarazioni  dell’amministratore delegato, Fulvio Conti, sull’opportunità di proseguire nell’intento di costruire i rigassificatori.

Conti (persona che abbiamo incontrato a Palermo e che, in verità,  ci ha colpito per la sua gentilezza), lo scorso 3 ottobre, al Senato, ha, infatti,  dichiarato che non è più conveniente investire centinaia di milioni di euro in questo tipo di infrastrutture. E lo ha fatto, ovviamente, sulla base di analisi precise:  i consumi tendono a calare in Europa. Basti pensare, che,  quelli registrati ad ottobre, sono di gran lunga i più bassi dell’ultimo decennio: rispetto a ottobre 2007 le  centrali hanno consumato il 38,7% di gas in meno. Alla luce di queste fortissime contrazioni,  perché le imprese dovrebbero  costruire nuovi rigassificatori?

Meglio-ha detto Conti-continuare con gli attuali contratti “take or pay”(quelli che ci danno  sicurezza sulle forniture).  Oltretutto l’ad di Enel sa bene, e lo ha lasciato intendere,  che  sarebbe pura illusione pensare che  un rigassificatore possa essere costruito avendo in mente solo il mercato spot  senza avere alle spalle, almeno per una consistente parte di disponibilità di  rigassificazione, uno o più contratti di fornitura a lungo termine. E la realtà è che  i grandi produttori di GNL non pensano all’Italia come hub del gas, perché comanda il  mercato e il mercato dice Asia, non Europa.

I produttori di gas sono sempre gli stessi, l’Italia dipende e continuerà comunque a dipendere soprattutto da Russia e Algeria, i consumi tendono a calare ulteriormente e l’idea di proiettarci verso un mercato di forniture spot rischia di aumentare e non di diminuire la nostra dipendenza dai giochi di produttori sui quali non siamo sufficientemente influenti» ha dichiarato l’a.d. di Enel a Palazzo Madama (i dettagli in questo articolo). Che, sempre in quella sede, ha invece confermato il suo interesse per il Tap  (Trans Adriatic pipeline), uno dei nuovi gasdotti che da oriente dovrebbero rinforzare il nostro import metanifero.

E’ possibile che Conti, abbia parlato della diseconomia dei rigassificatori, ma intenda insistere nel costruire quello di Porto Empedocle? Ci sembra molto improbabile. Non a caso, moltissimi osservatori (inclusi personaggi di spicco delle istituzioni siciliane) sostengono che l’Enel si appresta ad abbandonare il progetto siciliano (al centro di furiose polemiche per la vicinanza dell’impianto, considerato ad alto rischio incidente, alla Valle dei Templi) che, vedi caso, finora è andato avanti molto lentamente.

Ma non è tutto. E ‘ notizia di questi giorni  (lo abbiamo scritto qui) che l’Autorità italiana per l’Energia e il gas, ha sospeso gli aiuti di Stato per le imprese che intendono costruire (e/o gestire) tali impianti. 

Insomma, non solo, lo scenario energetico mondiale li sconsiglia, ma anche l’Italia non ha più intenzione di sostenerli economicamente (sarebbero pagati dai cittadini nelle bollette).

Ma all’Enel fanno finta di niente. LinkSicilia ha contattato il gruppo per un chiarimento, sia alla luce delle dichiarazioni di Conti al Senato, che della delibera dell’ Aieg, ma abbiamo ottenuto solo una piccola risposta: “Enel conferma il proprio impegno per la realizzazione del rigassificatore di Porto Empedocle”. 

In che senso? Conti, in termini di business, ha, forse,  istinti suicidi?  La nota non lo dice. La sensazione è che si tratti di una frase gettata lì d’istinto. A meno che non si sia verificato un corto circuito, che all’interno di una azienda come l’Enel, sarebbe davvero esilarante.

Arriva il colpo di grazia al rigassificatore della Valle dei Templi
Stop al rigassificatore della Valle dei Templi?


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]