Rifiuti, la differenziata ad aprile non è andata oltre il 28% Tre società sono interessate al trasporto fuori dalla Sicilia

Obiettivi che continuano a sembrare buoni propositi o poco più, dubbi sul futuro dirigenziale del dipartimento e una riforma che, ancora prima di approdare all’Ars, è già stata criticata. A quasi otto mesi dall’insediamento per Nello Musumeci, il rompicapo rifiuti continua a essere lontano da una soluzione. Soprattutto a breve-medio termine, ovvero i tempi che la politica ha a disposizione per evitare che tutto diventi irrecuperabile. In un contesto che da più di un decennio vive di emergenze, con ordinanze straordinarie che di volta in volta rinviano il ritorno alla normalità.

A tre settimane dalle ultime disposizioni impartite dal governatore, è questo lo stato dell’arte. A certificarlo sono le indiscrezioni che arrivano in merito all’ultimo aggiornamento relativo alla raccolta differenziata: la media regionale si attesterebbe intorno al 28 per cento. Il dato fa riferimento ad aprile e indica una crescita di appena mezzo punto percentuale rispetto al mese precedente. Ancora una volta a fare da zavorra sarebbero le città più grandi, incapaci nella maggior parte dei casi di implementare i correttivi necessari a garantire una raccolta di entità non risibili. In tal senso, si registrerebbero segnali addirittura di peggioramento a Catania, dove tra marzo e aprile la differenziata sarebbe scesa dal 9,4 al 7 per cento circa. Il capoluogo etneo, facendo il raffronto con gli ultimi dati ufficiali, è quello messo peggio tra le città metropolitane, ma anche le altre non hanno di che gioire: a marzo Palermo ha registrato il 15,5 per cento, mentre Messina poco di più (16,8). Non sorridono neanche gli altri capoluoghi: Siracusa (11,3), Trapani (14,8), Ragusa (21,2), Caltanissetta (19,7), Enna (24,2). L’unica eccezione è Agrigento, balzata tra febbraio e marzo dal 38,9 al 62 per cento, e, stando alle indiscrezioni, ancora in crescita. 

Tali numeri si scontrano con la soglia del 35 per cento che la struttura commissariale – formata in seguito al riconoscimento dello stato d’emergenza da parte del governo nazionale – ha fissato per i Comuni inadempienti (in una fase in cui la normativa europea fissa il livello minimo al 65 per cento). L’obiettivo in un primo momento andava raggiunto entro maggio, ma considerata l’evidente impossibilità di ottenere uno slancio di tale portata entro i termini, a inizio mese Musumeci ha deciso di concedere altro tempo, rimandando all’1 ottobre la data in cui i Comuni saranno inibiti a conferire in discarica oltre il 70 per cento dei rifiuti prodotti. Per la restante parte, andrà trovata un’alternativa che, detto in altre parole, significa spedire i rifiuti fuori dalla Sicilia. L’onere dovrebbe ricadere totalmente sulle casse dei Comuni e andrebbe calcolato così: finirà fuori dall’Isola la percentuale ottenuta dalla sottrazione tra il restante 30 per cento e la percentuale di differenziata. Nel caso di Catania, per esempio, se le cose rimanessero così come ad aprile, il Comune dovrebbe trovare sistemazione per il 23 per cento della spazzatura. Dal canto suo la Regione, già lo scorso mese, ha indetto una manifestazione d’interesse per capire se esistano imprese interessate a occuparsi del trasporto. Spazzatura che per molti dovrebbe finire addirittura all’estero, vista l’indisponibilità delle altre regioni italiane a riceverla. A riguardo ieri il Movimento 5 stelle ha diramato una nota per invogliare la Regione a rendere noti i risultati di questo sondaggio. A cui, stando a quanto risulta a MeridioNews, avrebbero risposto tre società

Nel frattempo, tra i corridoi di viale Campania, c’è chi sostiene che un potenziale rallentamento sarebbe in procinto di caratterizzare le attività del dipartimento: il dirigente generale Salvo Cocina starebbe infatti valutando una presunta offerta arrivata dal neosindaco di Catania, Salvo Pogliese, che lo vorrebbe assessore ai Rifiuti. «Si tratta di una voce che circola da un po’ di giorni», ammette a MeridioNews uno tra i bene informati. Sullo sfondo, infine, rimane il ddl che la giunta Musumeci nei giorni scorsi ha preparato per riformare l’intero settore. Norme che – a partire dall’istituzione su base provinciale delle Ada in sostituzione degli Ato, chiamate a gestire i servizi sia sul fronte impiantistica che su quello della raccolta – metterebbero le basi per i cambiamenti promessi in campagna elettorale da Musumeci. «Se riusciamo ad approvarlo entro l’estate e, al contempo, raggiungiamo il 35 per cento di differenziata entro settembre usciremo dall’emergenza e si va all’ordinario», è il convincimento del governo. Un’evenienza che comunque avrebbe dello straordinario.   


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]