Sversano rifiuti pericolosi nei fiumi del Messinese, 59 indagati: «Hanno rovinato un patrimonio naturalistico»

I carabinieri di Barcellona Pozzo di Gotto (in provincia di Messina), di Terme Vigliatore e Merì, stanno procedendo alla notifica degli avvisi di conclusione delle indagini preliminari nei confronti dei 59 indagati nell’operazione per la tutela ambientale del 29 settembre. Quando i militati hanno eseguito i sequestri preventivi di 14 autocarri, del valore complessivo di oltre un milione di euro, appartenenti a diverse ditte della zona, e la misura cautelare interdittiva del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriali per la durata di un anno a carico del titolare di un’impresa.

Le indagini, coordinate dalla procura di Barcellona Pozzo di Gotto, hanno fatto emergere condotte illegali che hanno provocato uno scempio del territorio con la riduzione dei torrenti, sottoposti a vincolo
paesaggistico
e largamente prosciugati per lunghi periodi dell’anno, a una vera discarica, facendone oggetto di una selvaggia aggressione ambientale. Gli indagati, con più condotte ripetute nel tempo e documentate dal maggio al dicembre del 2022, in più punti dei torrenti, in assenza di alcuna autorizzazione, avrebbero portato e sversato nei greti dei fiumi rifiuti di vario tipo, anche pericolosi e in particolare scarti delle attività di impresa, tra cui materiale edile, in ferro, legno, fino ad arrivare a derivati della lavorazione di alimenti o prodotti da animali da allevamento.

In alcuni casi, i rifiuti, dopo essere abbandonati, sarebbero stati incendiati, con fiamme che hanno prodotto un’intensa nube di fumo e che non si sarebbero propagate solo grazie alle non favorevoli condizioni metereologiche. I provvedimenti di oggi sono scaturiti a conclusione di due distinti procedimenti penali e vedono gli indagati iscritti a vario titolo per i reati di realizzazione di discarica abusiva, combustione illecita di rifiuti, abbandono di rifiuti e deturpamento beni naturali. «Totalmente insensibili alla salvaguardia del patrimonio naturalistico nel cui ambito pure loro vivono e operano», così li ha descritti il giudice per le indagini preliminari. Gli indagati sarebbero stati spinti solo a «non seguire le procedure previste per lo smaltimento dei rifiuti per non affrontarne i costi. Così rovinando, in maniera che appare irreversibile, un patrimonio naturalistico che appartiene all’intera collettività».

In particolare, tra gli indagati, ci sono anche numerosi privati residenti della zona che sono stati sorpresi dalle telecamere predisposte dai carabinieri, mentre, utilizzando le proprie auto, gettavano rifiuti di natura domestica. Questi ultimi risponderanno dei reati di abbandono di rifiuti, le cui pene variano dai sei mesi a due anni di reclusione.


Dalla stessa categoria

I più letti

I carabinieri di Barcellona Pozzo di Gotto (in provincia di Messina), di Terme Vigliatore e Merì, stanno procedendo alla notifica degli avvisi di conclusione delle indagini preliminari nei confronti dei 59 indagati nell’operazione per la tutela ambientale del 29 settembre. Quando i militati hanno eseguito i sequestri preventivi di 14 autocarri, del valore complessivo di […]

I carabinieri di Barcellona Pozzo di Gotto (in provincia di Messina), di Terme Vigliatore e Merì, stanno procedendo alla notifica degli avvisi di conclusione delle indagini preliminari nei confronti dei 59 indagati nell’operazione per la tutela ambientale del 29 settembre. Quando i militati hanno eseguito i sequestri preventivi di 14 autocarri, del valore complessivo di […]

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]