Arredano casa con mobili e oggetti rubati. Due denunciati in provincia di Palermo

I carabinieri di Balestrate hanno denunciato un 32enne e un 29enne del luogo per ricettazione. Le indagini, scaturite da tre furti in abitazione commessi nel piccolo centro fra lo scorso novembre e gennaio, hanno consentito ai militari di individuare i luoghi di deposito della refurtiva nelle abitazioni dei due giovani. Le perquisizioni domiciliari hanno rivelato l’effettiva presenza, fra i pezzi d’arredamento dei due appartamenti, di intere cucine componibili complete di piano cottura e lavandino, una parete attrezzata, un comò, quattro comodini, tavoli e sedie, tende, lampadari, lumi e appliques, un impianto di amplificazione, televisori, soprammobili e attrezzi vari, e perfino una friggitrice ad aria e un capezzale raffigurante la Madonna, il tutto provento di furto, per un valore complessivo di oltre 10mila euro. Su disposizione dell’autorità giudiziaria, la refurtiva è stata restituita ai legittimi proprietari. Per il 32enne, già sottoposto alla misura alternativa dell’affidamento in prova, a seguito della denuncia è scattato un provvedimento di sospensione provvisoria, per cui è stato condotto alla casa circondariale Lorusso – Pagliarelli di Palermo.


Dalla stessa categoria

I più letti

I carabinieri di Balestrate hanno denunciato un 32enne e un 29enne del luogo per ricettazione. Le indagini, scaturite da tre furti in abitazione commessi nel piccolo centro fra lo scorso novembre e gennaio, hanno consentito ai militari di individuare i luoghi di deposito della refurtiva nelle abitazioni dei due giovani. Le perquisizioni domiciliari hanno rivelato […]

I carabinieri di Balestrate hanno denunciato un 32enne e un 29enne del luogo per ricettazione. Le indagini, scaturite da tre furti in abitazione commessi nel piccolo centro fra lo scorso novembre e gennaio, hanno consentito ai militari di individuare i luoghi di deposito della refurtiva nelle abitazioni dei due giovani. Le perquisizioni domiciliari hanno rivelato […]

Giustizia per Emanuele Scieri

Sono stati condannati i due ex caporali Alessandro Panella e Luigi Zabara. Finisce così il processo di primo grado con rito ordinario per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, avvenuto all’interno della caserma Gamerra di Pisa nell’agosto del 1999. Per loro il procuratore Alessandro Crini aveva chiesto rispettivamente una condanna a 24 anni e 21 anni, […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo

Nessun patto con Cosa nostra, o meglio «appare quantomai illogico ammettere che il patto sia stato certamente stipulato». Parlano chiaro le 54 pagine di motivazioni con cui la corte di Cassazione, sesta sezione penale, respinge il ricorso del procuratore generale della corte d’Appello di Catania contro l’assoluzione di Raffaele Lombardo nell’ambito del processo che lo […]

Diventa definitiva l’assoluzione per l’ex governatore siciliano Raffaele Lombardo dalle accuse di concorso esterno in associazione mafiosa e di corruzione elettorale aggravata dall’avere favorito la mafia. I giudici della sesta sezione della Cassazione hanno dichiarato inammissibile il ricorso della procura generale di Catania confermando la sentenza del gennaio 2022 che, nell’appello bis, aveva già assolto […]