Rende-Catania 1-2, il campionato inizia con due squilli Manneh e Silvestri danno agli etnei tre punti di platino

Dopo tanta sofferenza, proprio alla fine, giunge una gioia quasi inattesa. Il Catania segna, si fa rimontare e patisce l’intraprendenza della capolista Rende: la squadra di Sottil, però, è brava a tenere duro e, anche grazie ai cambi del tecnico, argina i padroni di casa per poi colpirli nel finale. Il campionato, seppur in ritardo, inizia nel migliore dei modi.

La cronaca: Sottil ripropone il classico 4-2-3-1, con Rizzo e Biagianti in mezzo e il trio Lodi, Barisic, Manneh a supportare Curiale in avanti. Il Rende, grande sorpresa di questo inizio di stagione, schiera un elastico 3-4-3, dove le coppie Viteritti-Gigliotti e Blaze-Vivacqua hanno il compito di creare superiorità sulle fasce. Inizia meglio il Catania: baricentro alto e tanta voglia di far subito male ai calabresi. Dopo tre minuti di gioco, splendida percussione di Manneh da sinistra, col gambiano che entra in area e conclude centralmente. Un giro di lancette dopo, Savelloni è ancora chiamato in causa, con Lodi pescato in area che costringe il portiere a sventare la sua conclusione defilata. Il logico vantaggio degli etnei arriva all’11’: il Rende perde malamente palla sulla trequarti, Lodi recupera e mette in mezzo per Curiale che, con un velo, libera Manneh. Il gambiano irrompe in area e trafigge Savelloni.

Chi si attende un monologo del Catania è clamorosamente smentito. Il Rende comincia ad acquisire fiducia e si rende pericoloso al 19′: Blaze brucia Barisic e mette in mezzo un pallone deviato al volo da Rossini, con palla fuori. Un minuto dopo ancora Blaze fa il diavolo a quattro sulla corsia mancina, la sfera carambola su Viteritti la cui conclusione è salvata da Aya. Il Catania adesso sbanda: Biagianti e Rizzo scompaiono, Lodi è quasi inutile in fase di non possesso, stritolato dai mediani del Rende. Sulle fasce, Calapai e Scaglia sono ripetutamente messi alla frusta da Blaze e Viteritti. Il pareggio arriva al 30′ quando Awa, indisturbato, arriva al limite dell’area e scocca un sinistro angolato che batte Pisseri. Rossazzurri in crisi, col Rende che sfiora più vote il radoppio: al 37′ Pisseri si supera sul tiro di Gigliotti, tre minuti dopo Aya si immola sul tiro a botta sicura di Vivacqua che, poco prima del riposo, sfiora il 2-1 con un tiro a giro. 

La ripresa comincia con lo stesso spartito: Rende che parte a spron battuto, Catania che aspetta nella sua metà campo. Si tratta però di un possesso palla più sterile del primo tempo, anche grazie al fatto che Sottil sostituisce i due etnei più in difficoltà: dentro Baraye e Bucolo per Scaglia e Biagianti. Il secondo tempo scorre via con ritmi molto più lenti e zero pericoli da una parte e dall’altra. Il primo squillo rossazzurro arriva soltanto al 62′, con la debole conclusione di Lodi facilmente sventata da Savelloni. Entrambe le squadre sembrano stanche: latita il movimento senza palle e i ritmi sono molto bassi

Quando tutto lasciava pensare al pareggio come risultato finale, arriva la svolta improvvisa. Entrano Vassallo e Brodic per Manneh e Curiale: l’obiettivo di Sottil è di dare maggiore vivacità alla manovra offensiva e la strategia risulta vincente. All’81’ infatti Vassallo da sinistra ispira Lodi che, di piatto da fuori area, impegna il portiere. È una fiammata che prelude al definitivo 2-1. Lodi, da calcio d’angolo, piazza in area una palla perfetta: Silvestri, indisturbato, stacca di testa e trafigge l’incolpevole Savelloni. La gioia dei tifosi etnei è incontenibile, proprio perché inattesa. Tre minuti dopo Pisseri è bravo a sventare la punizione di Franco. È l’ultimo squillo di un Rende bello e combattivo che deve piegarsi per la prima volta in campionato al cospetto di un Catania cinico e con tante risorse in panchina. Il campionato della riscossa, per i rossazzurri, comincia nel migliore dei modi. 

Tabellino:

Rende-Catania 1-2

Marcatori: 11′ Khalifa, 30′ Awa, 82′ Silvestri

Rende (3-4-3): 1 Savelloni; 13 Germinio 6 Minelli 23 Sabato (46′ Calvanese); 2 Viteritti (65′ Godano), 16 Franco, 21 Awua, 17 Blaze; 7 Gigliotti (51′ Giannotti), 11 Rossini, 9 Vivacqua. Allenatore: Modesto

Catania (4-2-3-1): 12 Pisseri; 26 Calapai, 4 Aya, 5 Silvestri, 8 Scaglia; 27 Biagianti, 18 Rizzo; 7 Barisic, 10 Lodi, 19 Manneh (67′ Vassallo); 11 Curiale (79′ Brodic). Allenatore: Sottil

Ammonito: Viteritti, Curiale, Vassallo


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]