Reddito di libertà regionale per le donne vittime di violenza: «A Catania solo 5 percorsi su 130 casi, serve stabilità»

Dal canone di affitto di un appartamento o di una bottega alle spese per ottenere una licenza o un’autorizzazione. Un sostegno per casa e lavoro, due degli ostacoli principali per il 30 per cento delle donne vittime di violenza, la cui mancanza impedisce loro una nuova vita indipendente. Per sé e per gli eventuali figli. A finanziare almeno in parte queste spese sarà il nuovo reddito di libertà istituito dalla Regione siciliana con l’assessorato alle Politiche sociali. Una delle promesse dell’assessore uscente Antonio Scavone, arrivata proprio sul filo. E con l’avvicendamento di governo in vista a dettare i tempi già stretti per le procedure d’accesso al fondo: quasi 235mila euro per progetti da un massimo di 10mila euro ciascuno, da presentare a partire dal 10 ottobre ed entro fine mese. «Una buona notizia, ma purtroppo una misura che rischia di rimanere spot e per di più a esaurimento, quindi senza giudizio sui progetti ma solo in base alla velocità della domanda», commenta Anna Agosta, presidente del centro antiviolenza di Catania Thamaia, ospite a Ora d’aria, in onda su Sestarete tv-canale 81 e Radio Fantastica.

A occuparsi dei piani personalizzati saranno i Comuni insieme ai centri antiviolenza e alle case rifugio a indirizzo segreto iscritte nell’apposito albo regionale. «E questa è davvero una novità importante – prosegue Agosta – perché, nella versione precedente del piano, per accedere servivano sia la documentazione dei centri antiviolenza che dei servizi sociali. Molte donne sono state così tagliate fuori: alcune perché non accedevano ai servizi comunali per non perdere l’anonimato e altre perché si trovavano magari in una casa rifugio, ma senza un centro antiviolenza sul territorio». Tra le spese ammissibili ci sono canoni di affitto privati e lavorativi, attrezzature, arredi, materie prime, allaccio delle utenze, polizze assicurative, licenze, permessi e autorizzazioni. Ciascun Comune potrà presentare un numero massimo prefissato di progetti, non oltre i cinque: limite per i capoluoghi di provincia o le grandi città con più di 30mila abitanti.

Di certo un inizio, seppure con numeri che non potranno risolvere il problema, in crescita durante la pandemia e il primo lockdown. «Rispetto alle donne che chiamano, quelle che si presentano sono poco più del 50 per cento – spiega Agosta – E già così, al momento, abbiamo 130 percorsi avviati. Non possiamo scegliere e giudicare: esattamente come la misura, si dovrà fare a chi arrivare prima». Una esiguità di risorse che si scontra anche con i continui ritardi delle amministrazioni comunali nell’erogazione dei fondi per le attività base, quelle di ascolto e sostegno, dei centri antiviolenza. Appena prima del Covid, a fine 2019, lo stesso centro Thamaia rischiava la chiusura. Con le responsabili che hanno attinto ai propri risparmi, in attesa di 70mila euro dovuti dal Comune di Catania e in ritardo di anni. Eppure la correlazione tra fondi pubblici e aiuto alle vittime è evidente nei dati presentati per i 20 anni del centro, lo scorso anno: ogni qual volta si è riusciti ad avere più personale ai telefoni e a restare aperti per più ore – grazie ai finanziamenti -, si ricevevano più chiamate. Una domanda, insomma, più grande dell’offerta d’aiuto disponibile. Per un totale di oltre cinquemila donne sostenute in due decenni.

«Per questo, pur accogliendo positivamente la misura, noi puntiamo a percorsi stabili contro la violenza sulle donne – conclude Agosta – Che comprendano stabili finanziamenti ai centri antiviolenza per il sostegno e l’avviamento dei percorsi, la formazione a chi si interfaccia con le donne, come magistrati e forze dell’ordine, e ovviamente le azioni di sensibilizzazione a scuola. Perché è lì che si può davvero attivare quel cambiamento culturale che è alla base».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]